Aeroporto, Salvadori (Confindustria): “Chi è contrario, si prenda le sue responsabilità. Siamo arrabbiati”. Sull’inceneritore…

0
345

Non si arresta, anzi si fa sempre più calda il dibattito sull’ampliamento dell’aeroporto di Peretola. Su La Nazione troviamo un’intervista a Luigi Salvadori, presidente di Confindustria Firenze. Ve ne proponiamo una parte:

Chi è contrario allo sviluppo dell’aeroporto si prenda le sue responsabilità e dopo non si lamenti. La crescita dell’aeroporto Vespucci è il volano fondamentale per lo sviluppo produttivo, per la creazione di nuovi posti di lavoro e per il mantenimento dell’occupazione attuale: sembra quasi incredibile che non ci si renda conto dell’importanza strategica di questa infrastruttura per il nostro futuro, quello di noi tutti. Della comunità“.

Chi fa ricorso, lo fa in nome dei cittadini che temono ripercussioni sull’ambiente e sulla salute.
Temo che in nome di una non meglio identificabile battaglia politica si stia sacrificando la verità: le prescrizioni della commissione ministeriale Via e la costituzione dell’Osservatorio ambientale sono la miglior tutela che si possa chiedere. Le opere di mitigazione ambientale previste miglioreranno significativamente la qualità dell’aria, anche di quella che respiriamo adesso. E’ del tutto evidente che non si ha consapevolezza del livello d’inquinamento prodotto dai mezzi in autostrada. Siamo molto arrabbiati, ci muoveremo e faremo sicuramente rumore. Noi non abbiamo alcun interesse diretto nella realizzazione dell’opera. Certo che tutte le categorie economiche sono a favore dell’ampliamento dell’aeroporto: come si può pensare di crescere con il Vespucci di adesso?

Il termovalorizzatore? Io non dico dove bisogna costruirlo ma insisto sull’indispensabilità di farlo, perché diversamente ci troveremmo sommersi dai rifiuti o in bancarotta per pagare chi termovalorizza la nostra quota d’indifferenziato“.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO