Ass. Ceccarelli: “Possibile potenziare collegamenti ferroviari Firenze-Pisa, ma i soldi?”

0
181

Dopo le parole rilasciate dal ministro alle infrastrutture e ai trasporti Danilo Toninelli a Il Tirreno sull’aeroporto di Firenze (LEGGI QUI), arriva la replica – sempre sulle pagine dello stesso quotidiano – di Vincenzo Ceccarelli, assessore regionale alle infrastrutture:

Toninelli vuole puntare tutto sull’aeroporto di Pisa potenziando i collegamenti ferroviari con Firenze? Tutto è possibile, ma ha solo due possibilità: o penalizza i pendolari o raddoppia la linea. Ogni giorno, su quei 110 chilometri, viaggiano 115 treni. In media tre all’ora. Si può anche pensare di aggiungerne uno in più la mattina o uno in più la sera come ci chiede Toscana Aeroporti, ma più di così sinceramente. Sapete quanto cosa un binario in più? Per il Pistoia-Lucca, in corso di realizzazione, 450 milioni. A cazzotto, per fare una linea fra Pisa e Firenze servono fra gli 800 milioni e 1,2 miliardi“.

Per l’ampliamento di Peretola, Toscana Aeroporti ha ricevuto per ora 50 milioni. Toninelli potrebbe non far arrivare i restanti 100 milioni rivedendo il piano delle Infrastrutture?
Serve un decreto, ma può farlo. Certo, poi se ne assumerà le responsabilità. C’è una Valutazione d’Impatto Ambientale approvata, potrebbe andare incontro a ricorsi. Non solo. Dice che Pisa deve restare uno scalo strategico. Ma Pisa e Firenze erano già usciti dal piano nazionale degli aeroporti strategici: è stata l’integrazione aeroportuale e societaria a consentire loro di esservi ricompresi. Ma se Firenze non si adegua, potrebbe uscirne di nuovo e neppure avrebbe più speranza di crescere“.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO