Biblioteca Ragionieri: esposto un documento sulla strage del Collegino ritrovato grazie anche a TuttoSesto

0
137
Sesto com'era

Come riporta una nota sul sito della Biblioteca Ernesto Ragionieri di Sesto Fiorentino, sono state allestite, in seguito a due donazioni, piccole esposizioni volte a far conoscere e contemporaneamente a valorizzare l’importante e vario patrimonio bibliografico e documentario posseduto nella sede di Doccia.

Nelle vetrine all’ingresso della biblioteca è esposta la Divina Commedia illustrata dall’artista Antony de Witt generosamente donata dalla signora Alma Zanin. Un esemplare raro che è stato messo a confronto con altre edizioni illustrate da Botticelli e Dorè assieme ad edizioni ottocentesche conservate nei fondi speciali della biblioteca.

Con l’occasione del 25 aprile si è poi voluto valorizzare la seconda donazione documentaria di cui TuttoSesto aveva reso conto con un articolo del 2 marzo scorso:

Strage collegino, l’appunto amaro e crudo della sorella di uno dei bambini morti

Si tratta di una preziosa testimonianza diretta e di documenti sull’eccidio del Collegino del 8 Febbraio 1944 donati dalla signora Linda Russo.

Come ricorda la nota della biblioteca, a corredo di questo documento si è voluto dar risalto ad altre testimonianze scritte inedite e a pubblicazioni inerenti Sesto Fiorentino e la Resistenza che fanno parte della Sezione Locale e del fondo Resistenza della biblioteca. Proprio quest’ultimo costituito a cura di Bruno Pecchioli all’epoca del sindaco Elio Marini, come raccolta per il Centro culturale della Resistenza di Monte Morello, contiene oltre a numerosi volumi ed opuscoli anche testimonianze inedite riguardanti il territorio sestese. Dal 1990 questo nucleo è confluito nel patrimonio della biblioteca prima in via Fratti e successivamente nella sede odierna di Doccia dove opportunamente conservato è a disposizione di tutti per la consultazione.

Le due esposizioni saranno visitabili nell’orario della biblioteca fino al 29 aprile.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO