Campi, la maggioranza: “Per il governo l’incendio del Monte Serra non è emergenza. Servono misure indifferibili”

0
148
Foto tratta dalla pagina Facebook de La Racchetta Sesto Fiorentino

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa in cui i tre gruppi consiliari di maggioranza a Campi Bisenzio, Partito democratico, lista Emiliano Fossi Sindaco e Campi Progressista, criticano la negazione della stato di emergenza per il Monte Serra:

 

400 ettari di bosco e oliveti in fumo, centinaia di persone sfollate, 7 case distrutte o inagibili, aziende che hanno perso la produzione agricola per gli anni a venire, grave rischio idrogeologico, ma per il Governo l’incendio devastante del Monte Serra non è un’emergenza e non verranno stanziate le relative misure a favore di privati e per la messa in sicurezza del monte.

 

Apprendiamo con sdegno e preoccupazione questa notizia e siamo vicini alle comunità colpite dal rogo e beffate, come se non bastasse, dalle passerelle dei rappresentanti della Lega che ai selfie tardano a fare seguire qualsiasi forma di fatto concreto. Anzi, il Ministro Centinaio ha pensato bene di irridere le legittime proteste del Sindaco di Calci Ghimenti con un gesto senza precedenti, per cui poi si è dovuto pure scusare.

 

Bene ha fatto il Sindaco Fossi a rappresentare tutta la vicinanza alle istituzioni e ai cittadini del Comune di Calci. 

 

Il Partito Democratico, la Lista EFS e Campi Progressista esprimono la propria solidarietà al monte pisano, ringraziano la Fratellanza Popolare di S. Donnino operativa sul posto in questi giorni, e chiedono al Governo di approfondire e rivedere questa scelta ingiusta che ferisce per la seconda volta tutte le comunità colpite dall’incendio, o comunque di adottare il prima possibile misure indifferibili per le famiglie colpite, gli oliveti distrutti e la prevenzione di futuri disastri a carattere alluvionale.
Porteremo la questione in Consiglio Comunale per dare più forza alla lotta delle comunità colpite“.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO