Falchi: “La libertà il fiore più bello che abbiamo”

0
72
Tutto Sesto

Egizio Fiorelli, Lando Stefani, Raffaello Biancalani, Aristodemo Poli, Osvaldo Monselvi, Roberto Lumini, Emilio Sarti, Pietro Ferrantini, Pietro Buganelli, Silvano Mazzoni e Corrado Frigidi. Il sindaco Lorenzo Falchi li ha voluti scandire a uno a uno i nomi dei tredici partigiani che settantadue anni fa persero la vita in uno scontro a fuoco con le forze nazi-fasciste per regalare a tutti noi la libertà.

Tutto Sesto

“La libertà è un fiore piantato in quei giorni, ma non è un fiore facile da far crescere – ha sostenuto Falchi -, va coltivato ogni giorno perché è molto delicato, per questo non è consentito arretrare di un millimetro rispetto alle idee dei gruppi neo fascisti e xenofobi che nascono e si sviluppano in Italia e in Europa. E’ necessario far rispettare le leggi del nostro Paese che sono molto chiare nel senso del contrasto all’apologia del fascismo”.

 

 

Tutto Sesto

Applaudito anche l’intervento di Vania Bagni, vice presidente dell’Anpi della provincia di Firenze: “Ogni volta che raggiungiamo luoghi come questo portiamo con noi l’orgoglio di essere parte di quanto accaduto e consapevoli di quanto è stato fatto per il nostro presente ma portiamo dentro anche il timore di chi sente e teme che in questo Paese si stia perdendo il senso unitario del messaggio che la Resistenza nella guerra di liberazione seppe dare”.

Presenti alla cerimonia anche i partigiani Leandro Agresti (Marco) e Luciano Giovannini.

Tutto Sesto

“Dietro il milite delle Brigate nere più onesto, più in buonafede, più idealista,
c’erano i rastrellamenti, le operazioni di sterminio, le camere di tortura, le deportazioni e l’Olocausto;
dietro il partigiano più ignaro, più ladro, più spietato,
c’era la lotta per una società pacifica e democratica, ragionevolmente giusta,
se non proprio giusta in senso assoluto, ché di queste non ce ne sono.” (Italo Calvino)

NESSUN COMMENTO