Osmannoro, poker clandestino nel ristorante: nove denunciati

0
151

Negli scorsi giorni, la guardia di finanza di Firenze ha individuato, nella zona di Firenze Osmannoro, un ristorante che nelle ore notturne era stato trasformato in una bisca clandestina frequentata da numerosi cittadini cinesi.

Il titolare dell’esercizio commerciale (un cittadino cinese 28enne residente a Firenze) è stato denunciato per “esercizio del gioco d’azzardo aggravato dall’aver istituito una casa da gioco in un pubblico esercizio” mentre le 8 persone intente a giocare (tutte di origini cinesi con regolare permesso di soggiorno e residenti tra Firenze e Campi Bisenzio) sono state denunciate per “partecipazione a gioco d’azzardo”.

L’individuazione della bisca clandestina è stata effettuata dai Baschi Verdi del Gruppo Firenze impiegati in attività di controllo economico del territorio, i quali avevano notato, transitando in via Lucchese, che due cittadini cinesi erano usciti, a tarda notte, da un locale adibito a ristorante con cucina orientale chiuso al pubblico ma con al seguito un voluminoso borsello.

Tra l’altro, uno dei soggetti poi fermati era noto ai finanzieri in quanto già in precedenza era stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per reati inerenti il gioco d’azzardo, ed in quel contesto venne anche arrestato per un tentativo di corruzione che aveva operato nei confronti di un militare delle Fiamme Gialle, in relazione al quale lo stesso straniero ha recentemente patteggiato quasi 2 anni di reclusione.

I soggetti cinesi fermati sono stati quindi identificati e perquisiti rinvenendo, all’interno dei due borselli in loro possesso, la somma di oltre 20mila euro in contanti, suddivisi in mazzette di vario taglio.

Il successivo accesso presso i locali del ristorante permetteva di individuare una saletta riservata dove altri soggetti cinesi erano intenti a giocare, su un tavolo verde, a poker scommettendo ingenti somme di denaro quantificate in complessive circa 100mila euro.

All’interno della stanza erano presenti altri strumenti per il gioco d’azzardo, quali mazzi di carte, fiches e dadi (utilizzati per il gioco del Mah Jong, noto gioco d’azzardo cinese). Tutto il denaro contante rinvenuto nonché l’attrezzatura usata per il gioco d’azzardo è stato sottoposto a sequestro a disposizione dell’AG e sono in corso ulteriori approfondimenti economico-finanziari per accertare la provenienza del denaro, in relazione all’attività lavorativa svolta da tutti i soggetti sorpresi nella bisca clandestina.

L’operazione adesso eseguita dalle Fiamme gialle fiorentine è solo l’ultima in ordine di tempo di altri interventi similari condotti negli ultimi mesi che hanno consentito di scoprire altre 9 case da gioco clandestine nei Comuni di Firenze, Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio, che hanno portato alla denuncia all’Autorità Giudiziaria di 70 cittadini cinesi nonché al sequestro di 4 bar ed oltre € 150.000 in contanti.

Guardia di Finanza di Firenze

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO