Parenti: “Martini uomo semplice e profondo. Ecco perché vedere ‘A ruota della passione'”

0
176

E’ dedicato ad Alfredo Martini, l’ex Ct della nazionale italiana di ciclismo, “A ruota della passione“. Sarà il chiostro della pieve di San Martino ad ospitare, il prossimo 14 giugno, la rappresentazione teatrale (LEGGI QUI). Tuttosesto.net ha intervistato Tommaso Parenti, protagonista dello spettacolo.

Chi è Tommaso Parenti? 
Sono un sestese, mi piace da sempre il teatro e lo faccio con passione. Ho studiato recitazione al Centro di avviamento all’espressione, al Teatro dell’Oriuolo con Gino Susini, al genio della Lampada di Firenze diretto da Maurizia Ronchi, con Barbara Enrichi, Andrea Bruni, Silvia Frasson. Ho recitato in più di 50 diversi spettacoli“.

Come nasce la passione per il teatro?
Fin da piccoli, all’oratorio della Pieve di San Martino, facevamo teatro grazie alla dedizione di donne speciali come Paola Vezzosi, Liliana Giachetti e Giuliana Ristori. Ho iniziato con le favole per bambini, le commedie in vernacolo per arrivare ai classici (Goldoni, Shakespeare, Moliere) ed alla narrazione“.

Cos’è Metropolis? Da quanto tempo ne fa parte?
E’ un’associazione culturale nata a Sesto Fiorentino nel 1993 che si occupa di teatro, di produzione di spettacoli, di organizzazione di stage. Fondata da Lorenzo Bittini, Lorenzo Gigli e Tommaso Parenti. Allora eravamo dei ragazzi. Adesso abbiamo anche una nostra sede in via Gramsci: lo SpazioMetropolis dove organizziamo corsi teatrali, facciamo piccoli spettacoli di cabaret e narrazione“.

“A ruota della passione”: com’è nata l’idea di uno spettacolo su Alfredo Martini?
L’idea è nata dalla voglia di fare uno spettacolo di teatro di narrazione, un tipo di teatro che mi ha sempre affascinato. Perché, come dice Marco Baliani (probabilmente il padre del teatro di narrazione), “puoi anche avere un bellissimo testo, ma se lo dici “attorialmente” (in quella maniera tradizionale, un po’ roboante), è un fallimento. Perché rispetto alla recitazione, la narrazione è una cosa più rozza e più raffinata allo stesso tempo. E’ qualcosa che ha a che fare con la vita di tutti i giorni: si deve sentire che il narratore è impastato della stessa materia degli spettatori; non è qualcuno che è più in alto“.

Un valido motivo per assistere alla rappresentazione?
Il vero motivo è Alfredo, un uomo grande, vero, semplice ma profondissimo.”Incontrare Martini è stata una fortuna, conoscerlo una ricchezza, ascoltarlo un privilegio” dice il giornalista Pastonesi. Ed è proprio così. Io l’ho conosciuto bene e sono un privilegiato. La sua storia è la storia del ciclismo. Dai miti del ciclismo eroico alle vittorie di Nibali“.

L’ingresso è a pagamento?
Sì. il costo è di 6 euro ma si ha un piccolo sconto (5 euro) se si fa la prevendita presso l’archivio parrocchiale della Pieve (aperto dal lunedì al sabato dalle 10 alle 12)“.

In caso di pioggia?
Lo spettacolo in caso di pioggia si farà al teatro San Martino“.

C’è un numero massimo di spettatori che possono assistere?
Al massimo nel Chiostro entrano 150 persone“.

Maggiori informazioni su: www.tommasoparenti.com e teatrometropolis.myblog.it.

STEFANO NICCOLI

NESSUN COMMENTO