Quercioli a Falchi: “Uniamoci contro il Pd”

0
17469
TuttoSesto

In vista del ballottaggio di domenica 19 giugno Maurizio Quercioli tende la mano al candidato di Sinistra Italiana e Per Sesto Lorenzo Falchi con l’obiettivo di mandare il Partito Democratico all’opposizione. Questo il comunicato stampa.

Il risultato elettorale del 5 giugno ha palesemente dimostrato la chiara volontà dei cittadini sestesi di mandare all’opposizione il Pd. Le forze politiche rappresentate da Lorenzo Falchi e da Maurizio Quercioli e anche le altre forze in gioco durante la tornata elettorale hanno contribuito alla conferma di questa volontà.

Le forze che sostengono Lorenzo Falchi hanno la maggioranza dei consensi nell’ambito della sinistra: questo risultato dà ad esse il compito di mandare il Pd all’opposizione e di governare Sesto Fiorentino. Ma da soli sarà molto difficile.

Per questo, io Maurizio Quercioli sostenuto dalla lista civica “per Sesto Bene Comune” assieme ai partiti che mi sostengono riuniti nella lista “Insieme” (Possibile, Rifondazione Comunista, Alternativa Libera), riteniamo doveroso e necessario dare il nostro sostegno a Lorenzo Falchi nel ballottaggio del prossimo 19 giugno contro un PD che metterà in campo tutte le sue potenti forze per vincere.

Siamo aperti a costruire qui ed ora quell’unità che con la nostra partecipazione può portare alla sconfitta del PD mediante la procedura prevista dalla legge elettorale dell’apparentamento tra le quattro forze che io e Falchi rappresentiamo, una sconfitta del PD che insieme possiamo portare basata sugli obiettivi che già sono comuni e che si sintetizzano nel no all’inceneritore, sì al Patto con Zero Waste, e no all’aeroporto. Il nuovo sindaco dovrà farsi portavoce della richiesta di una revoca dei provvedimenti finora presi sull’inceneritore poiché non sussiste più il pubblico interesse per la costruzione di quest’opera.

L’apparentamento è l’unico modo con cui la legge elettorale maggioritaria consente di dare una rappresentanza equilibrata alla volontà espressa dai cittadini nell’attribuirci il 19,2% dei voti il 5 giugno scorso. Una rappresentanza che sia garanzia per quei cittadini che hanno affidato alla nostra coalizione la fiducia nella coerenza mostrata.

Il mandato del sindaco Falchi, come previsto nel suo programma, avrà la preziosa opportunità di riformare radicalmente la modalità di rapporto tra il Comune ed i cittadini. Dare ampio spazio alla cittadinanza attiva ed alla partecipazione informata e consapevole dei cittadini è per noi lo strumento fondamentale per impedire che “errori” drammatici come l’inceneritore e l’aeroporto possano ripetersi. Governare assieme e per i cittadini che mi hanno votato è per me, per “Sesto Bene Comune” e per i partiti di “Insieme” la condizione per sostenere con pari dignità e con forza il candidato Lorenzo Falchi contro l’arroganza vuota e pilotata del PD sestese.

Non si tratta di giochi di poltrone in cambio dell’appoggio, ma di un forte impegno per riformare radicalmente il Comune e per dare un ruolo determinante alla partecipazione attiva e consapevole dei cittadini al governo della città. Gli appelli all’unità che ci stanno giungendo a livello regionale e nazionale, ma soprattutto dai cittadini sestesi, sottolineano il carattere di Sesto Fiorentino nuovamente come “laboratorio nazionale” della sinistra: tutti siamo chiamati ad essere all’altezza di questo compito, come già accadde nel 1899 con l’elezione di Pilade Biondi, primo sindaco socialista d’Italia”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO