Cavallo (M5S Sesto): “Perché un secondo meetup?”

0
415

Pochi giorni è nato il Meetup Amici di Beppe Grillo Sesto Fiorentino. Atto, questo, che ha “scatenato” la seguente reazione di Pietro Cavallo, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle :

Da alcuni post presenti su dei social siamo venuti a conoscenza che un gruppo di cittadini ha creato un nuovo meetup a nome di Amici di Beppegrillo.

Nel successivo comunicato stampa, si legge che il gruppo intende operare sul territorio di Sesto Fiorentino, affrontando quelle tematiche tipiche del vivere quotidiano nella nostra cittadina, al servizio dei suoi abitanti.

Devo precisare che nel territorio Sestese esiste già da diversi anni un unico meetup con il quale il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle collabora e che opera nella nostra cittadina, occupandosi di tutte quelle problematiche, di qualsiasi natura, che si manifestano nell’arco del nostro vivere quotidiano. Questo meetup promuove il dialogo con i cittadini sestesi, non necessariamente simpatizzanti del M5 Stelle, in quanto tutti i cittadini hanno diritto ad assistenza di vario genere, pertanto, le sue “porte” sono sempre aperte a chiunque desideri informarsi sulle problematiche quotidiane presenti sul territorio sestese.

Devo precisare, inoltre, che il meetup del cui contributo il consigliere comunale si avvale è l’unico che può utilizzare il simbolo del Movimento 5 Stelle, in quanto autorizzato dallo stesso portavoce che lo detiene per tutto l’arco del suo mandato.

In una lettera scritta da Fico e Di Battista, inviata ai meetup nel 2015, si legge :

“ qualsiasi dichiarazione agli organi di stampa degli iscritti al meetup viene effettuata esclusivamente a titolo personale o di un gruppo di cittadini impegnato su un tema, SENZA LA SPENDITA DEL NOME DI BEPPE GRILLO O DEL MOVIMENTO 5 STELLE”.

E’ stato proprio Fico, poco tempo fa, a far presente che se gli obbiettivi sono comuni (come si evincerebbe dalle dichiarazioni del nuovo meetup), non si capisce il motivo per cui debbano esistere due meetup.

Questo potrebbe sottintendere il fatto che i veri obbiettivi possano essere dettati da altri “bisogni” dei componenti il meetup : arrivismo, opportunismo, carrierismo e da uno smisurato ego, tutte caratteristiche contro le quali il M 5 Stelle combatte da sempre e quotidianamente.

Allora Fico, a questo punto, consiglia di “calare la maschera” e rivelare i veri obbiettivi per i quali si combatte, spesso lontani dai bisogni dei cittadini.

Concludo dichiarando che l’unico rappresentante del M5 Stelle, consigliere comunale a Sesto Fiorentino, continuerà ad avvalersi esclusivamente della collaborazione dell’unico meetup che opera da anni sul territorio sestese, al quale i cittadini interessati potranno rivolgersi”.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO