Toscana Aeroporti: “Espropri nell’area di Castello per sviluppare il nostro business”

0
188
TuttoSesto

Il nuovo aeroporto – scrive La Nazione – avrà bisogno di oltre 120 ettari in più rispetto all’attuale. Solo per la sede nel masterplan 2014-2029 di Toscana Aeroporti sono previsti 245 ettari, ma con le opere accessorie e di compensazione l’occupazione di terreno sale a 320 ettari. Quindi ben oltre i 200 ettari in più rispetto a ora. Da dove si prendono? In parte dai terreni di Sesto Fiorentino, in parte da Campi Bisenzio e in gran parte da Castello. L’area Unipol, con i suoi 168 ettari, 80 dei quali da destinare a parco e 20 dei quali da dedicare alla nuova sede di Mercafir, sarà dunque espropriata in larga parte per far posto al nuovo Vespucci che prevede anche un grande albergo e un ristorante stellato: a conclusione il progetto avrà in tutto 8mila metri quadri di strutture commerciali.

Come Toscana Aeroporti abbiamo inserito nel masterplan l’esproprio delle aree Unipol per il nuovo terminal, quelle vicine al nuovo terminal e per una parte dei piazzali“, spiega con chiarezza il vicepresidente esecutivo di Toscana Aeroporti, Roberto Naldi che fa il punto su ciò che sarà. “Noi abbiamo un interesse per sviluppare l’area Unipol, legato al nostro business. Anche se mi sembra ci sia molta confusione“.

Dunque esproprio oneroso e non acquisto dei terreni di proprietà del colosso bolognese. Tenendo conto che i prezzi di mercato per quel terreno, con licenze a costruire alla mano, sono di circa mezzo milione per ettaro. E che Unipol ha messo a bilancio l’area di Castello per circa 106 milioni di euro. Ma quando succederà tutto questo? “Noi siamo per espropriare i terreni che riguardano il nostro masterplan, ed è una parte importante dell’area, al momento in cui sarà conclusa la conferenza dei servizi – dice NaldiPoi ci sono anche altre cose, bisogna vedere chi e come… Per esempio se Mercafir si vorrà spostare nei terreni di Castello o no, se lo stadio si farà o meno. Sono tutti elementi importanti”.

L’articolo integrale nel quotidiano in edicola

NESSUN COMMENTO