Decreto dignità, CNA Piana: “Provvedimento che non aiuta lo sviluppo economico. Si rischia l’effetto voucher”

0
34
Marcello Gori

Non è certo un provvedimento che aiuta lo sviluppo economico del nostro paese, né del nostro territorio, entrambi basati sulla piccola e media impresa. In base ai dati della Camera di Commercio di Firenze, 11.852 imprese (per il 39% artigiane) di tutti i settori produttivi nella Piana Fiorentina, che danno lavoro a 59.938 persone (il 16% degli addetti di tutta la provincia), senza delocalizzare, ma invece investendo e vivendo sul territorio. Dovrebbe essere interesse di Governi e Enti Locali, ognuno per le proprie competenze, lavorare per lo sviluppo di questi settori e rendere le aziende più competitive. E invece, ancora una volta, così non è stato”.

È lapidario Marcello Gori, Presidente dell’area Piana Fiorentina di CNA Firenze Metropolitana, nel commentare il recente Decreto Dignità che, per ciò che concerne le imprese, va nella direzione della complicazione, della minor flessibilità occupazionale e dell’aumento dei costi.

A preoccupare l’associazione degli artigiani fiorentini è principalmente l’irrigidimento prodotto dalla reintroduzione della causale nei contratti a tempo determinato, che finirà per penalizzare proprio quanti stanno creando occupazionevanificando così la crescita occupazionale dell’ultimo anno: + 2.912 addetti in tutta la Piana, con un incremento globale del 5% al 1° trimestre 2018 rispetto al 1° trimestre 2017 ed uno del 3% per il solo artigianato” spiega Paolo Gianassi, coordinatore della Piana per CNA.

L’intento del Decreto di contrastare il lavoro irregolare rischia invece di trasformarsi in un boomerang, disincentivando proprio la stabilizzazione – continua Gori – Certa, invece, la crescita del contenzioso giudiziario (ridotto negli ultimi anni proprio dall’eliminazione della causale), sostenuto anche dall’allungamento del periodo di tempo nel quale sarà possibile impugnare il contratto”.

Esistono inoltre anche ulteriori motivi di insoddisfazione per CNA. Il Decreto, oltre a reintrodurre l’inutile vessillo dell’obbligo di motivazione, accorcia di ben un terzo la possibile durata dei contratti a termine, che passano da 36 mesi a 24, ne irrigidisce la gestione, riducendo le proroghe a 4, e ne aumenta fortemente i costi, introducendo un costo aggiuntivo crescente fino al 2% (che, per esempio, per un operaio di 4° livello di un’impresa metalmeccanica potrebbe sforare i 300 euro per un periodo di dodici mesi).

Facendo valere le nuove regole anche per i contratti di somministrazione, il Decreto, inoltre, finisce per colpire, anacronisticamente, anche le agenzie autorizzate, vanificando così, dopo venti anni dalla Legge Treu (1997), il maggior ambito di flessibilità che imprese e lavoratori hanno concordato nel tempo attraverso la contrattazione collettiva specifica di settore.

Quel che serve per un’occupazione stabile non è tanto una riforma dei contratti, quanto un nuovo sistema di incentivazione che spinga e premi la stabilità. Il rischio che corriamo? Il sommerso, eliminazione dei voucher docet. Il trasformare un pezzo del mondo del lavoro, fragile e in certi casi purtroppo sfruttato, da regolare a irregolare” conclude Gori.

CNA Piana Fiorentina

 

Per CNA è perciò irrinunciabile un ripensamento su questa parte del decreto in fase di conversione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO