Disinnesco della bomba: il resoconto

0
129

Nessun problema domenica 18 maggio durante il disinnesco dell’ordigno bellico inesploso, risalente alla Seconda Guerra Mondiale, rinvenuto casualmente a marzo in un cantiere edile in via Chini (leggi qui). Un po’ di numeri. In totale, sono state coinvolte 6.500 persone (400 nel Comune di Calenzano), tutte evacuate prima delle 9. Presenti 400 volontari, oltre alle Forze dell’Ordine, Polizia Municipale e personale del Comune di Sesto, Protezione Civile e Provinciale.

La prima sirena della Richard Ginori – quella che ha sancito l’inizio delle operazioni – è suonata alle 11.05, la seconda alle 11.55. L’ordigno, trasportato in una miniera di Pelago, è stato fatto brillare dal Reggimento Genio Ferrovieri di Castel Maggiore (Bologna). Il tutto si è concluso intorno alle 16.

Un’operazione complessa e pericolosa – ha detto il sindaco di Sesto Fiorentino Gianni Gianassi – è stata svolta nel miglior modo possibile grazie a una straordinaria collaborazione tra le istituzioni, le forze dell’ordine, il mondo del volontariato e la cittadinanza“.

Foto: (lanazione.it)

Le persone meno autonome e quelle senza un posto dove poter trascorrere il tempo necessario per lo svolgimento delle operazioni – circa 300 – sono state ospitate dalla Misericordia, dalla Casa del Popolo di Querceto, dal Circolo 8 Marzo e dall’associazione Auser. I disabili e i malati (una cinquantina in tutto) costretti a letto hanno trovato una sistemazione a Villa Solaria, al Centro Oncologica di Villa Ragionieri e alla Misericordia di Sesto.

Fondamentale il ruolo svolto dal servizio comunale di Protezione Civile: l’Incidental Command Point (ICP) ha coordinato tutte le operazioni dalle 8 di mattina da via Paganini a Quinto Basso, sede della Protezione Civile di Sesto.

Per quanto riguarda i mezzi, sono state impegnate 16 ambulanze, 18 furgoni per il trasporto delle persone, 44 autovetture e 2 scooter. A garantire la viabilità e la sicurezza della zona evacuata (la cosidetta “zona rossa) ci hanno pensato la Polizia Municipale e le Forze dell’Ordine. Non si sono registrati episodi di furto e sciacallaggio.

 

STEFANO NICCOLI 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO