Naldi (Toscana Aeroporti): “Quante falsità da parte di Giannarelli e dei piloti. Chiederemo i danni economici e d’immagine”

0
746

Stanno facendo discutere le dichiarazioni rilasciate da Giacomo Giannarelli, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Regione Toscana, e dai due piloti Domenico Leggiero e Luciano Battisti sull’ampliamento dell’aeroporto di Peretola. “Ci sarebbero tanti problemi in meno, se l’attuale pista venisse allungata“, hanno detto questi ultimi due.

Intervistato da Repubblica Firenze, Roberto Naldi, vice presidente di Toscana Aeroporti, ha usato parole dure nei confronti dell’esponente pentastellato e dei due militari:

Daremo mandato ai nostri legali di tutelare la società nei confronti delle dichiarazioni del consigliere Giacomo Giannarelli, il generale Luciano Battisti e Domenico Leggiero perché si tratta di affermazioni lesive e false atte a screditare una società quotata in Borsa e dunque tesa alla tutele del risparmiatore e per di più concessionaria di un bene pubblico, come l’aeroporto fiorentino, che opera sotto un regolatore che è Enac, a cui ci atteniamo in ogni momento. Chiederemo i danni economici, di immagine e per procurato allarme derivanti dalle loro dichiarazioni. I piloti vogliono mettere in sicurezza lo scalo attuale perché pensano che non lo sia. Ricordo a tutti e tre che l’aeroporto di Firenze è certificato dall’Enac secondo le regole Easa (l’agenzia per la sicurezza europea). Nel team dei certificatori era presente un numero importante di piloti ispettori di volo, altro che un pilota militare in pensione e un pilota prevalentemente di elicotteri, ex consigliere comunale di An a Sesto. Quindi è assurdo che parlino di sicurezza come lo è che ritirino ancora fuori il vecchio master plan del 2003 che non è stato mai portato avanti, come la nostra società ha più volte spiegato e è stato ampiamente sostituito dal master plan 2014—2029. Il piano del 2003 era infattibile e continuare a parlare di sottopasso autostradale e prolungamento dell’attuale pista è un’affermazione irrealizzabile dal punto di vista tecnico e vergognosa nei confronti dei cittadini di Peretola, Brozzi e Quaracchi, già ora assediati dal rumore, e a cui la pista si avvicinerebbe ancora di più“.

(l’intervista integrale nel quotidiano in edicola)

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO