Nuoto: risultati positivi per il Sesto Sport al Meeting di Lucca

0
173

Si è svolto a Lucca domenica 12 novembre il “14° Trofeo città di Lucca”. Per i portacolori del Sesto Sport sono scesi in acqua gli atleti della Categoria guidata da Valerio Caporali. Dopo le buone prove di Empoli, i nuotatori sestesi hanno confermato i progressi fatti intravedere nella prima uscita stagionale e hanno ottenuto un incoraggiante numero di podi.

Sugli scudi ancora una volta Marco Cucca, primo nei 100 dorso e terzo nelle mezza distanza; seconda piazza assoluta per Martino Singuaroli nei 200 rana, autore di prestazioni cronometriche di ottimo livello anche nei 200 e 400 stile libero e nei 200 misti.

Hanno invece sfiorato il podio Zoe Masi nei 200 farfalla (per lei record personale anche nei 200 dorso) e Alessia Olia nei 200 dorso e nei 100, gara in cui la nuotatrice ha registrato il primato individuale.

Ottimi anche i riscontri cronometrici, seppur in assenza di podi: hanno abbassato di molti secondi i propri primati personali Niccolò Lucchi nei 400 e 200 stile libero e nei 200 misti, Piergiorgio Danti e Giulio Niccoli nei 200 e 400 stile libero, Francesco Monsani nei 100 e 200 dorso e farfalla, Sofia Rosolin nei 100, 200 e 400 stile libero, Irene Bruscoli nei 50, 100 e 200 rana, Matteo Cirillo e Alessandro Trallori nei 100 e 200 rana, Chiara Trallori nei 50 stile libero e rana, Maddalena Danti nei 50 e 200 rana, Chiara Manetti nei 400 stile libero e 50 farfalla, Francesco Gentile nei 200 dorso, Caterina Guerra nei 100 e 200 rana, Viola Romoli nei 200 misti, Davide Gentile nei 200 stile libero e Saverio Armetta nei 50 stile libero.

Buone, infine, le prove nei 400 stile libero di Silvia Liistro e Eleonora Vanni, di Carlotta Così nei 200 e 400 stile libero, di David Grifoni nei 50 rana e stile libero e di Sofia Mannini nei 50, 100 e 200 rana.

“Sono soddisfatto anche di questo week end – ha commentato un positivo Valerio Caporali -. Si inizia a vedere il lavoro fatto in questi anni e i ragazzi stanno finalmente iniziando a prendersi le loro soddisfazioni. Dobbiamo continuare a lavorare intensamente perché ancora non abbiamo ottenuto niente e dobbiamo limare ulteriormente il gap con chi ci precede.”

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO