Parrini (Pd) a Calenzano: “Priorità la realizzazione del lotto 5-bis della Mezzana-Perfetti Ricasoli”

0
135

In questi anni, dopo un prolungato periodo di stallo, in Italia gli investimenti pubblici in infrastrutture hanno avuto una ripartenza. In Toscana opere attese da tempo sono state finanziate e sbloccate. Il Ministro Delrio ha lavorato con passione e efficacia. Per le infrastrutture sono arrivati in Toscana 20 miliardi, una cifra di grande rilievo. Per ciò che concerne l’insieme dei Comuni della Piana, sono state poste le premesse per progressi importanti: sono state finanziate le estensioni della tramvia fino a Sesto e fino alle Piagge, per l’estensione fino a Campi si avrà in tempi ragionevoli una solida base progettuale, premessa per ottenere le risorse per i lavori; si sta definendo l’appalto per il lotto 5-bis della Mezzana-Perfetti Ricasoli, opera finanziata in gran parte da Anas, che successivamente ne assumerà la gestione, e che permetterà di dare una risposta concreta al bisogno di un’arteria di scorrimento tra Firenze e Prato autonoma dall’autostrada e in grado di rendere più sostenibili e equilibrati i flussi veicolari nei comuni di Sesto, Campi e Calenzano; infine anche per un Comune come Calenzano è importante avere collegamenti ferroviari ad alta frequenza e efficienza con la stazione di Santa Maria Novella, e quindi è assai utile che non ci sia più alcun dubbio sul fatto che una stazione riservata all’alta velocità, oggetto di fin troppe controversie, verrà realizzata“.

È quanto ha fatto presente Dario Parrini, segretario Pd Toscana e candidato al Senato nel collegio Toscana 02, protagonista a Calenzano lunedì sera di un incontro pubblico, intervistato dalla direttrice di Bisenzio7 Debora Pellegrinotti. Tra i temi toccati, oltre a quello della viabilità, il sostegno alle piccole e medie imprese, le ricadute sul territorio delle politiche nazionali in materia di sociale, sviluppo economico e rapporto con gli enti locali.

Possiamo ben dire di aver inaugurato dalla scorsa legislatura un rapporto più proficuo tra Governo e enti locali, che ha consentito ai Comuni di rimettersi in marcia – ha spiegato ParriniContinuare su questa strada resta quindi fondamentale per lavorare bene, con sinergie vere tra i diversi livelli istituzionali. Nello stesso tempo, per una zona come questa ricca di industria e di piccole e medie imprese, è necessario e urgente fare ancora di più sulla sburocratizzazione, sull’alleggerimento fiscale e sul fronte dell’ottimizzazione dell’alternanza scuola lavoro unita a percorsi formativi professionalizzanti maggiormente legati alle esigenze del tessuto produttivo locale“.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO