Area Ginori, PD Sesto: “È l’identità del nostro territorio”

0
325
Richard-Ginori

Il PD di Sesto in questi anni ha lavorato con il massimo impegno e continuerà a farlo affinché l’area Ginori diventi un luogo strategico dell’identità del nostro territorio. Identità fondata dal legame storico e inscindibile tra fabbrica e museo. Abbiamo la responsabilità di mettere il massimo dell’ambizione, dell’impegno e della visione per rendere unico questo luogo della città.

Lo Stato, grazie al Ministro Franceschini, ha messo 5 milioni e mezzo di euro per comprare l’edificio del Museo, le sue collezioni e per ristrutturarlo. È stata costituita la Fondazione Ginori dove i soci fondatori sono Ministero, Regione Toscana e Comune di Sesto Fiorentino, i quali ogni anno stanno investendo ulteriori e significative risorse economiche. Anche alla luce del grande impegno delle Istituzioni pubbliche è un dovere di ognuno di noi contribuire a realizzare un’area dove cultura, creatività, lavoro, storia, memoria e futuro possano caratterizzare ogni centimetro di questo spazio cittadino. Un luogo che possa diventare un attrattore di turismo di qualità, di competenze, di designer e di creativi. Una istituzione culturale di respiro europeo, dobbiamo cogliere questa grande opportunità.

Fondamentale per raggiungere questo obiettivo è e sarà anche il ruolo di Coop e di come utilizzerà i suoi terreni. La posizione di contrarietà del PD sulla scelta di costruire un supermercato è nota a tutti da tempo, purtroppo sulla decisione fatta dalla precedente amministrazione oggi non possiamo più intervenire. Quello che però possiamo fare è lavorare con tutti i soggetti interessati per evitare ulteriori costruzioni non inerenti al Museo e dare un senso coerente ed omogeneo all’area Ginori.

Sarà fondamentale preservare e dare un ruolo decisivo al verde, trovare soluzioni di ampliamento del Museo per farlo esprimere al meglio, accompagnare l’attesa della riapertura del Museo con una programmazione di iniziative e di eventi di rilievo nazionale inerenti al mondo della porcellana e della ceramica. Insomma un bel pezzo di strada l’abbiamo fatta, adesso c’è da accelerare e mettere tutto l’impegno imboccando la strada giusta. Poniamoci come costruttori non di luoghi anonimi, ma di luoghi che incarnano il meglio della nostra identità cittadina.

Partito Democratico Sesto Fiorentino

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO