Campi, cena per il decennale dell’apertura del Museo “Antonio Manzi”

0
323
Da sinistra: Luigi Ricci, Andrea Brini, Mario Paoli, Antonio Manzi, Monica Roso

Una cena incontro all’insegna dell’arte e della solidarietà in occasione del decennale dell’apertura del Museo Antonio Manzi a lui dedicato dal Comune di Campi Bisenzio. L’appuntamento, organizzato dal Lions Club Le Signe con il patrocinio del Comune, è per sabato 25 novembre dalle 20 al ristorante Oca Nera, Hotel West Florence in via Guido Guinizzelli.

Il costo della cena, alla quale parteciperà anche la dottoressa Cristina Acidini, già Sovrintendente al Polo Museale Fiorentino, è di trenta euro. Il ricavato della serata sarà utilizzato per l’acquisto di buoni spesa per le famiglie più bisognose dei Comuni di Campi, Signa e Lastra a Signa.

“Questa iniziativa sposa in pieno i principi della nostra amministrazione, come arte e cultura visto che il maestro Manzi ha regalato delle opere che si trovano all’interno di Villa Rucellai. Ringrazio i Lions e il maestro Manzi che insieme hanno dato vita a questa idea che noi non possiamo che condividere“, ha detto il vicesindaco di Campi Bisenzio, Monica Roso.

In questi anni ho avuto modo di collaborare con i Lions Le Signe. E’ un’occasione di riflessione su un artista che ci sta a cuore. E’ un evento culturale, ma anche, come ho già detto, di riflessione nei confronti di chi fa più fatica all’interno della comunità“, ha aggiunto l’assessore Luigi Ricci.

Il nostro motto è we serve, noi ci poniamo al servizio della comunità – ha dichiarato Andrea Brini, presidente del Lions Club Le Signe -. L’idea era quella di celebrare l’artista Antonio Manzi e il decennale dell’apertura del museo. La nostra è anche un’iniziativa di solidarietà. La cifra che devolveremo? Dai cinquemila ai seimila euro. Alla cena possono, ovviamente, partecipare tutti, anzi vogliamo che ci siano più persone possibile. Un evento così importante deve avere una platea importante“.

“Annuncio un’iniziativa per assistere l’associazione amico di Valerio per la ricerca sui tumori sul sistema neurologico in età infantile. L’evento si terrà al Teatrodante Carlo Monni in un giorno strano, folle: il 26 dicembre alle 17. E’ una scommessa – le parole di Mario Paoli, socio del Lions Club Le Signe -. Ci sarà uno spettacolo teatrele lirico. Ci sarà anche il maestro Magera che era il pianista di Pavarotti. Il prezzo della serata è di quindici euro“.

“E’ un riconoscimento che va alla mia arte. Quando si riesce a far entrare l’arte nella vita è un messaggio meraviglioso. – ha concluso il maestro Antonio Manzi -. Io sono un privilegiato perché metto a disposizione la mia arte per qualcosa d’importante. L’amministrazione ha sensibilizzato i dieci anni del museo con eventi belli. Il museo è un riferimento di gioia per la città perché l’arte deve diventare protagonista dell’emozione dell’uomo. Il museo mi ha dato grandi gioie fin qui, è stata una scommessa forte per me. Spero che il museo trovi in futuro una forte energia per essere protagonista di tanti altri eventi. Durante la serata donerò una mia opera dedicata alla donna“.

Per prenotarsi alla cena è necessario chiamare i numeri 3356163064 e 3357762854.

STEFANO NICCOLI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO