Ciclismo, Firenze: due luoghi intitolati a Martini e Ballerini

0
212
Alfredo Martini ex CT Nazionale ciclismo

Due luoghi di Firenze intitolati adaltrettanti personaggi simbolo del ciclismo. Si tratta di Alfredo Martini e Franco Ballerini, entrambi ex ciclisti e CT della nazionale italiana di ciclismo.

E’ quanto prevede la delibera di indirizzo approvata dalla giunta comunale di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore alla Toponomastica, Alessandro Martini. La scelta è caduta su luoghi in prossimità del Ciclodromo Graziella Cenni: per Alfredo Martini l’area con accesso da via del Perugino, per Franco Ballerini quella raggiungibile da via del Perugino e
via del Pagano. Tutto ciò avverrà proprio nell’anno del centenario della nascita dello storico commissario tecnico della nazionale italiana e del passaggio del Giro d’Italia a Firenze in
programma il 20 maggio.

“Grande soddisfazione e gioia per questa doppia intitolazione a due campioni e al tempo stesso due grandi uomini che sono stati punti di riferimento per i valori che hanno rappresentato e per l’impegno civico oltre che nel campo dello sport- ha commentato l’assessore Martini -. Ho avuto la fortuna e il piacere di conoscere benissimo e di frequentare Alfredo Martini, mio concittadino di Sesto Fiorentino, avendo da lui consigli ed esempi”.

“Ho incontrato anche Franco Ballerini – aggiunge l’assessore -, un punto di riferimento per una generazione più vicina a noi e al tempo stesso una persona di grande saggezza. E’ bello che a Firenze, proprio nell’anno in cui passa il Giro d’Italia, si intitoli a questi grandi personaggi due luoghi in una zona peraltro già dedicata in parte ad eventi legati al ciclismo, all’educazione e alla crescita dello sport ciclistico presso i ragazzi e i giovani”.

“Il modo migliore per accogliere il Giro d’Italia che passerà a Firenze il 20 maggio prossimo – ha dichiarato l’assessore allo sport Cosimo Guccioneonoriamo due uomini, due sportivi veri che sono rimasti nel cuore di tutti. Martini è stato un pilastro del ciclismo italiano, il grande CT della nostra nazionale. Una vita passata in bicicletta e per la bicicletta. Ma che alla bicicletta non si è mai fermata. Ballerini lo ricordiamo non solo come trionfatore, 20 anni fa, alla Parigi-Roubaix, una delle corse ‘classiche’ a livello mondiale. Ma anche come ‘figlio adottivo’ di Alfredo che in nove anni alla guida del team azzurro ha scritto alcune delle pagine piu’ belle del ciclismo tricolore”.

(ITALPRESS)

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO