Comune di Calenzano, 25 assunzioni nel periodo 2022-2024

0
177
Comune di Calenzano

È stato approvato con Delibera di Giunta il piano triennale delle previsioni di assunzione al Comune di Calenzano, per un totale di 25 figure fino al 2024. Nello specifico, 9 le figure previste nel 2022 sono: un assistente sociale D, uno specialista in attività tecniche e progettuali, 5 esperti amministrativo e/o contabile, uno specialista in attività amministrative e/o contabili, uno specialista di vigilanza della polizia municipale e locale. La spesa prevista, considerandola al netto delle cessazioni, per il piano di nuove assunzioni del 2022 è di circa 39mila euro.

Per quanto riguarda il 2023 la previsione è di 14 assunzioni: la trasformazione a ruolo da contratto di formazione lavoro di 3 specialisti in attività tecniche e progettuali, trasformazione a ruolo da CFL di tre agenti di polizia municipale e locale, trasformazione a ruolo da CFL di due specialisti in attività amministrative e/o contabili, 3 esperti amministrativo e/o contabile, 2 operatori tecnici specializzati autisti scuolabus. Nel 2024 la previsione di nuovi ingressi riguarda due esperti amministrativo e/o contabile C.

“Proseguiamo nel potenziamento e nel rinnovamento dell’organico del Comune – spiega l’assessore al Personale, Damiano Felli – che diventa strategico per affrontare non solo l’importante lavoro quotidiano della macchina comunale che come sappiamo eroga molti servizi e ha competenza su molti ambiti, ma anche per disegnare, pensare in prospettiva ai progetti e allo sviluppo di Calenzano dei prossimi anni. Colgo l’occasione per ringraziare i dipendenti per la loro attività e il loro impegno, soprattutto in questi ultimi anni segnati dalla pandemia. Entro fine anno – conclude Felli – presenteremo un sistema di monitoraggio della qualità dei servizi resi, chiederemo quindi la collaborazione di tutti, non solo dei nostri dipendenti ma anche di cittadini, tecnici e imprese che richiedono i servizi comunali per comprendere dove possiamo e dobbiamo migliorare nella loro erogazione”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO