“Concentriamoci”, riflettori puntati su centro e Campus Sesto

0
106
Claudia-Pecchioli
Foto: Comune di Sesto Fiorentino

Connettere il centro cittadino e il Campus universitario Sesto, individuare le strategie da attuare verso la rigenerazione urbana e valorizzare le buone pratiche insieme ai protagonisti: sono questi gli obiettivi del progetto Concentriamoci, un percorso di ascolto e partecipazione lanciato dall’Amministrazione comunale insieme alle associazioni di categoria, all’Università e al tessuto associativo. Riuniti in una cabina di regia coordinata dagli esperti di Sociolab, saranno gli stessi attori locali a identificare le strategie di rilancio degli spazi cittadini, di rafforzamento della comunità e di miglioramento dell’offerta turistica e culturale.

 

Le attività del progetto si articoleranno in tre fasi: nella prima, attualmente in corso di svolgimento, sarà realizzata una ricognizione dei soggetti, delle reti e delle buone pratiche riguardanti il centro e l’area del Campus Sesto; saranno inoltre mappati i locali sfitti e analizzati gli strumenti urbanistici.
Tra aprile e maggio si passerà alla fase di ascolto della cittadinanza, sia attraverso interviste a residenti, studenti e lavoratori, sia predisponendo postazioni mobili e laboratori di confronto.
Alla terza e ultima fase si arriverà in estate, con la sintesi delle indicazioni emerse e la condivisione nella cabina di regia degli obiettivi di breve, medio e lungo termine. Il risultato finale sarà la stesura di linee guida partecipate per riqualificazione socioeconomica del centro e del Campus.

 

“Si tratta di una indagine molto importante che arricchisce parte di quel lavoro di ascolto realizzato per il Poc e che si focalizzerà non solo sul centro e sul Campus universitario, ma anche sulle loro connessioni – spiega l’assessore alle attività produttive Claudia PecchioliIl nostro centro attraversa una fase di trasformazione legata ai cambiamenti sociali ed economici per i quali occorre pianificare una strategia complessiva di rigenerazione urbana, mentre, separata dalla città, da molti anni esiste e cresce una realtà di eccellenza popolata ogni giorno da migliaia di studenti e lavoratori come il Campus Sesto. Essere capaci di governare questi cambiamenti, di analizzarli, di comprenderli e di guidarli per far crescere e migliorare la nostra comunità è fondamentale se vogliamo dare corpo ad una visione d’insieme che renda Sesto all’altezza delle sfide del futuro”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO