Diritti & ATPA a Fossi: “Assenza di limitazione a spostamenti in base a età”

0
206

Apprendiamo con soddisfazione l’attivazione presso alcuni supermercati Unicoop del c.d. “saltalafila” non mancando di sottolineare che le lunghe file sono determinate soprattutto dal contingentamento previsto a causa delle restrizioni precauzionali imposte per l’emergenza sanitaria da Covid-19.

E proprio per tale motivo riteniamo troppo “allarmanti” le dichiarazioni pubbliche, rilasciate in data 09.04.2020, sia a mezzo stampa ma soprattutto a mezzo video sui social-network, dal sindaco di Campi Bisenzio, con le quali lo stesso dichiarava, in un passaggio, che non gli erano piaciute “…queste grosse file ai supermercati …”, aggiungendo poi che gli “…. anziani devono restare a casa ….  a maggior ragione loro devono restare a casa …”, ed ancora “…a fare la spesa spesa ci si va una volta sola alla settimana e si fanno spese grosse….”, che riteniamo non coerenti con la natura di prima necessità dei beni alimentari. Peraltro, ferme restando tutte le restrizioni ben note, con un tenore che a noi non è piaciuto, nemmeno ad alcuni nostri associati over 65.

Alla luce di questo abbiamo inviato già in data 10.04.2020 opportuna segnalazione con richiesta di chiarimenti direttamente a funzionari del Ministero dell’Intermo che in data di ieri (martedì 21 aprile, ndr) hanno confermato l’assenza di limitazione agli spostamenti correlata all’età anagrafica delle persone in relazione all’attuale quadro normativo, sia pure con tutte le raccomandazioni previste dalle ordinanze e decreti finora emanati dal Governo, compresa la dimostrazione del motivo la cui necessità deve rientrare tra quelli consentiti. Importante chiarimento, riteniamo, vista la preannunciata riapertura, proprio da parte del Comune di Campi Bisenzio, dei mercati settimanali per l’approvviggionamento di generi alimentari, quindi di primissima necessità.

Ricordiamo ancora che con gli aggiornamenti al 18.04.2020 della sezione risposte alle domande frequenti (c.d. FAQ) del Governo (www.governo.it) viene espressamente sottolineato che “Sono consentiti solo gli spostamenti da casa motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità (per esempio, dover fare la spesa o comprare beni necessari) o per motivi di salute”, che “Sì, si potrà sempre uscire per acquistare generi alimentari….”, così come sono previste uscite per l’acquisto di beni diversi da quelli alimentari purché “… rientranti nelle categorie di generi di cui è ammessa la vendita espressamente previste dal Dpcm 10 aprile 2020, …” articoli di cartoleria compresi dunque, oltre che per “L’acquisto dei quotidiani e dei periodi” che “è ritenuto una “necessità, quindi anche gli spostamenti da e per le edicole, che li vendono”.

Auspichiamo che d’ora in avanti i sindaci, quali Ufficiali del Governo (ex art. 54 del TUEL), non diramino pubblicamente dichiarazioni che possano dare una distorta o fuorviante visione di quelli che rappresentano i DIRITTI delle persone, soprattutto anziane, per l’acquisto di beni di primissima necessità, limitandosi soltanto a ribadire quelle che sono le raccomandazioni del Governo, preferibilmente senza inutili “allarmismi” e soprattutto senza quel “devono” che mal si concilia con un diritto che lo stesso Governo riconosce. Tanto più nel dettare anche i termini di come fare la spesa (“spese grosse”), a maggior ragione considerata l’attuale e difficile situazione economica che forse richiederebbe maggiori precauzioni nel diramare certi avvisi. Riteniamo che vi sia già abbastanza confusione, anche per il gran numero di ordinanze, circolari e decreti che da oltre un mese si stanno avvicendando, anche a livello regionale, tanto che riteniamo non esserci alcun bisogno di aggiungerne altra o di fornire informazioni che possano essere interpretate da talune categorie di persone come ulteriori limitazioni invece assenti (come sopra riportato).

Giovanni Mariotti – presidente dell’associazione “Diritti & ATPA – Diritti & Ambiente, Territorio, Pubblica Amministrazione”

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO