Lega (Sesto): “Si riduce la Tari ai commercianti e poi si aumentano le tariffe”

0
145
Simbolo Lega

Con una mano dà e con l’altra prende.

E’ questa l’estrema sintesi delle azioni del Sindaco Falchi sull’argomento TARI.
Abbiamo infatti notato che ieri il Comune ha illustrato il meritorio progetto di abbassamento della tassa sui rifiuti per le attività commerciali.
Ne siamo felici, lo riteniamo un atto dovuto sebbene – ci sia permesso – non sufficiente; crediamo che un “anno bianco” per aiutare i commercianti e gli artigiani in difficoltà sarebbe stato più adeguato, richiesta peraltro espressa dalla Lega dentro e fuori i Consigli Comunali della Piana.

Quello che però ci lascia davvero perplessi è come Falchi mentre concede questa riduzione, pochi giorni fa abbia votato a favore della decisione dell’ATO Centro di aumentare le tariffe del 6,6% annuo fino al 2025 (quando rispetto ad oggi ci sarà un aumento del 38%!).

Ci chiediamo perché il Sindaco non abbia seguito i colleghi che hanno votato contro, tra cui si annoverano anche molte amministrazioni di sinistra, tra cui i nostri vicini di Calenzano.
Forse che debba ammansire il nuovo alleato PD?
Un alleato che con la sua gestione fallimentare ed una mancanza pressoché totale di un piano strutturale per i rifiuti in Toscana, ha portato una perdita di 51 milioni di euro nell’esercizio 2020.

Perdite che saranno riversate fatalmente sui cittadini, già provati dalla crisi economica.

Se è vero che per le utenze domestiche l’aumento della TARI è momentaneamente congelato, cosa succederà a fine anno? Cosa succederà dopo le elezioni?

Crediamo che il Sindaco debba ai cittadini una risposta chiara e trasparente.

Alessandro Salvadori e Daniele Brunori

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO