“Minerali di sangue”: mostra della parrocchia di San Martino

1
445
TuttoSesto

Da un viaggio nella Repubblica Democratica del Congo (mai partito causa covid) alla mostra “Minerali di sangue”. Questo il risultato della voglia di conoscere e di fare conoscere un pezzetto di Africa da parte di un gruppo della parrocchia di San Martino a Sesto Fiorentino.

Il gruppo VOgLIAMO ALTrO (VOLIAMO ALTO), durante le restrizioni imposte per arginare il contagio, ha viaggiato con la mente e con il cuore. Prima del lockdown alcuni di loro avevano fatto in tempo a visitare la mostra organizzata da un gruppo missionario della parrocchia di San Donato a Livizzano. La mostra – dicono – “ci ha spalancato un mondo e immediatamente abbiamo sentito l’urgenza di portarla a Sesto. Poi ci sono state le ben note vicende della pandemia e il tutto è stato rimandato”.

Ma non si sono scoraggiati e con l’aiuto del parroco, don Daniele Bani, dell’assessore Camilla Sanquerin e con il patrocinio del Comune di Sesto Fiorentino, sono riusciti ad organizzare questo evento.

La mostra si snoda in un percorso orizzontale che, partendo dagli strumenti tecnologici di uso quotidiano, va ad individuare dove si estraggono i minerali necessari per il loro funzionamento arrivando, tra gli altri stati, anche alla RD Congo. Con tutte le problematiche che ci sono dietro: dallo sfruttamento del lavoro minorile, alla deforestazione, alle ricadute sul piano ambientale. Un percorso che si presta a molteplici letture della realtà e dà numerosi spunti di riflessione. Questo sviluppo orizzontale viene intervallato da totem con citazioni di grandi pensatori della fede, del mondo economico e sociale. Come a voler restituire una luce a chi attraverso questo percorso prende coscienza di tante ingiustizie.

Al termine del percorso ci sono suggerimenti per rendere pratica la consapevolezza acquisita. La mostra è inoltre corredata da un video che fa un ulteriore focus su quanto emerso dai pannelli e per gli alunni delle scuole e i gruppi di giovani anche da un laboratorio.

La mostra sarà aperta al Centro Espositivo Antonio Berti in via Pietro Bernini 57 dal 27 novembre al 12 dicembre, giovedì e venerdì dalle ore 17,00 alle ore 19,30 e sabato e domenica dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e dalle ore 17,00 alle ore 19,30. 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO