Pd Toscana, a ottobre il congresso. Gli “orlandiani” puntano su Fossi e Fabiani

0
317

Si terrà a ottobre il congresso del Partito Democratico della Toscana. I renziani vorrebbero il 14, gli orlandiani il 28, probabilmente dopo la Leopolda.

Come scrive Il Tirreno, gli orlandiani sono divisi sul possibile candidato: gli irriducibili – quelli che pensano che il Pd sia morto e non abbia più futuro – vogliono presentare Valerio Fabiani, già dirigente del partito in provincia di Livorno; invece, gli orlandiani del dialogo – quelli che vogliono il confronto e anche lo scontro ma solo nel congresso – per poi tornare all’unità puntano su Emiliano Fossi, sindaco di Campi Bisenzio.

Per evitare le rotture, di qualunque tipo, soprattutto con la Regione (e con il governatore Enrico Rossi) è la ex dirigenza del Pd. In particolare l’ex segretario Dario Parrini che invita a rispettare gli accordi di programma sottoscritti nel 2015 e a trovarne di nuovi se c’è bisogno di cambiare direzione (ad esempio sullo smaltimento dei rifiuti). Insomma, un invito chiaro a proseguire la legislatura in Regione fino al 2010. Per trovare un candidato solido che eviti al centrosinistra (e al Pd) di perdere la Toscana, dopo l’emorragia di comuni. Prima di arrivare a formulare questa candidatura, però, i renziani devono concentrarsi sul congresso regionale. Che puntano a vincere. Due i candidati, in questo momento, in pole position: Leonardo Marras, attuale capogruppo in consiglio regionale o, in alternativa, Massimiliano Pescini, sindaco di San Casciano Val di Pesa, considerato un volto nuovo in grande ascesa. La decisione non è ancora presa. Come altre sono state lasciate ai prossimi giorni.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO