Qualità e servizi spa, rinvio a giudizio per Silvia Borgioli

0
1685
Foto tratta dal sito www.qualitaeservizi.com

Ingredienti di scarsa qualità rispetto a quelli pattuiti, porzioni con grammatura inferiore a quanto previsto nell’appalto e, perfino, eliminazione, o riduzione, del formaggio parmigiano nella preparazione dei pasti per le mense scolastiche. Sarebbe successo anche questo fra il 2014 e il marzo 2017 sulle tavole delle scuole dove mangiavano gli alunni di alcuni comuni della Piana di Firenze.
Ora, con queste accuse, la procura di Firenze – scrive l’Ansa – ha chiesto il rinvio a giudizio di Silvia Borgioli, 51 anni, direttrice generale di ‘Qualità e servizi’ spa, società a capitale pubblico incaricata della preparazione e della somministrazione dei pasti. Borgioli è imputata del reato di ‘frode in pubbliche forniture’.

 

 

Per la procura avrebbe commesso la frode riguardo all’esecuzione dei contratti di fornitura di pasti alle scuole sottoscritti nel 2013 coi Comuni di Campi Bisenzio, Sesto Fiorentino e Signa. 

La vicenda è uno sviluppo dell’inchiesta su Qualita’ e Servizi spa che nel novembre 2017 aveva gia’ portato alla richiesta di rinvio a giudizio per la stessa Borgioli e altri cinque co-indagati (l’amministratore unico della stessa spa più quattro imprenditori di altre aziende) accusati, a vario titolo, di abuso d’ufficio, peculato e concussione. ‘Qualità e Servizi’ nei territori serviti distribuisce circa 6.800 pasti ogni
giorno.

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO