Reato di ‘Frode in pubbliche forniture’ notificato a due dirigenti di un laboratorio di Calenzano

0
1187
Laboratrio-provette-test sierologici
Pixabay

Frode in pubbliche forniture, con l’aggravante che i “medicinali erano destinati a ovviare
all’emergenza sanitaria derivante dalla diffusione del Covid”, è il reato specificato dalla procura fiorentina nell’avviso di conclusione indagini notificato a Francesco Epifani e Massimo Quercioli, rispettivamente business area manager e direttore di laboratorio di Synlab, società attiva nel settore della diagnostica per esami clinici.

La società, nel 2020, nel momento di massima diffusione del Covid, si aggiudicò un appalto da circa 10 milioni di euro con tutte le tre Asl toscane, la Toscana Centro, la Toscana Sud Est e la Toscana Nord Ovest. Il prezzo concordato per ogni tampone era di 50 euro. Per processare il test Covid, ritiene l’accusa, sarebbe stato utilizzato il reagente Omega, certificato solo per le attività di ricerca ma non per la diagnosi. Un reagente completamente diverso da quello indicato negli accordi con la Regione Toscana e, secondo quanto ricostruito, “non validato” a rilevare la presenza del Covid e dal risultato quasi “inaffidabile”.

I test, inoltre, sarebbero stati elaborati non solo nel laboratorio “accreditato” di Calenzano, ma per il periodo tra il 2 aprile e il 14 luglio 2020, anche in quello di un’altra società del Gruppo Synlab Italia, a Castenedolo (Bologna). Ben 13.679 tamponi sarebbero stati sviluppati per un costo complessivo di 683.950 euro.

ANSA

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO