“Riaccendi il sorriso” per evitare i rischi da uso eccessivo del digitale

0
516
Riaccendi il sorriso 1

Musica, danza, sport, cybersecurity. Spettacolari esibizioni e interventi di esperti hanno scandito lo spettacolo sui rischi da smartphone e social network realizzato dall’associazione “Riaccendi il Sorriso” andato in scena questa mattina (22 febbraio) al Cinema Grotta di Sesto Fiorentino nell’ambito del progetto “Sconnessi in Salute”. Presenti in platea gli studenti di vari istituti comprensivi comunali.

“Abbiamo fatto in modo che si sentissero attivamente partecipi, interagendo con gli artisti e gli atleti sul palco. Crediamo che sia il modo più efficace per far capire loro quanto l’utilizzo eccessivo dei dispositivi digitali possa essere deleterio”, afferma la dottoressa Rosaria Sommariva (specializzata in medicina del sonno e presidente di “Riaccendi il Sorriso”), che ha analizzato le ripercussioni sulla salute psicofisica e sulla qualità del sonno dovute a un ricorso compulsivo ai cellulari, avvalendosi dei dati forniti dalla Federazione Italiana Medici Pediatri.

Lo spettacolo, inaugurato dai saluti istituzionali del sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi e dell’assessore allo sport Damiano Sforzi e condotto dall’autore e regista teatrale Raffaele Casagrande, ha visto tra i protagonisti la campionessa mondiale di karate Francesca Bruschi (acclamata dagli alunni presenti in platea), l’artista Jacopo Crudeli (che ha interpretato alcuni brani di Tenco, Modugno e Gaber), accompagnato dal pianista Damiano Calloni e dalla ballerina Elisa Reniero.

Francesca Bruschi campionessa del mondo di Karate

Performance a cui si è aggiunta quella delle 15 giovani atlete della Ginnastica Artistica Sesto del presidente Massimiliano Taccetti e della dirigente Chiara Buti, accompagnate dalle allenatrici Melissa Taccetti e Martina Colombo e 12 allievi dell’associazione Ronin – Accademia di Arti Marziali, guidati dal Maestro Stefano Lunardi, che porteranno sul palco una dimostrazione di kick boxing.

Nel corso della mattinata sono intervenute inoltre la dottoressa Lorena La Spina (primo dirigente della polizia di stato, alla guida del Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica per la Toscana) e il vice ispettore Miriam Laezza, che si sono soffermate nello specifico sui reati commessi attraverso i social e sui pericoli che possono correre i giovani sul web.

Riaccendi il sorriso 3

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO