Trasporti, Filt Cgil: “Adesione totale al primo di tre giorni di sciopero”

0
183

Adesioni che vanno dall’80% fino a raggiungere, salvaguardando i servizi minimi essenziali previsti per legge, la totalità dell’astensione dal lavoro“. E’ quanto riferisce la Filt Cgil in merito al primo dei tre giorni di stop che riguarda l’autotrasporto di carburante, medicinali, prodotti alimentari di prima necessità ed animali vivi e che proseguirà il 30 ed il 31 ottobre nella logistica e nella spedizioni delle merci. 


Secondo quanto riporta la Federazione dei Trasporti della Cgil “le adesioni più significative si registrano in Piemonte, ad Arquata Scrivia presso la raffineria, in Liguria alla raffineria di Vado Ligure (Savona), in Lombardia presso la raffineria di Sannazzaro (Pavia) ed i depositi di carburante di Lacchiarella, Pregnana e Arluno (Milano), in Veneto a Porto Marghera dove è fermo il petrolchimico, in Emilia Romagna presso l’area di carico Petra del porto di Ravenna, in Toscana presso raffineria Eni di Livorno e ad Calenzano (Firenze) presso il deposito Eni, in Sicilia nell’area industriale di Siracusa ed in Sardegna al porto di Cagliari ed a Porto Torres (Sassari)“. 


Quello di oggi (venerdì 27 ottobre, ndr) – sostiene la segretaria nazionale della Filt Cgil Giulia Guidarappresenta un primo importante risultato da parte del personale viaggiante dell’autotrasporto, a sostegno di un rapido e  positivo rinnovo del contratto nazionale unico di settore della Logistica, Trasporto Merci e Spedizione e contro le richieste delle parti datoriali sulla riduzione di diritti acquisiti, dei salari e delle attuali tutele contrattuali in merito a indennità di trasferta, quattordicesima e ferie“. “E’ necessario invece -aggiunge- qualificare e valorizzare sempre di più il lavoro e quindi un contratto che sia riferimento per un settore strategico“. 

Ada-AdnKronos

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO