Vaccini: torna attivo l’hub nella Chiesa dell’Autostrada

0
101
vaccino

Nell’ambito del piano di vaccinazione anti Covid-19 di Autostrade per l’Italia, grazie alla collaborazione con la Regione Toscana e in virtù di un accordo con la Asl Toscana Centro, da questa mattina è tornato nuovamente operativo  l’hub vaccinale destinato a oltre 2400 persone tra cittadini, dipendenti e familiari. Nel punto vaccinale, posizionato all’interno della “Chiesa dell’Autostrada” (Chiesa di S. Giovanni Battista) a Firenze Nord, verranno inoculate 200 dosi al giorno, del vaccino Pfizer, messe a disposizione dalla Regione Toscana. I cittadini per accedere alla somministrazione della dose booster potranno prenotarsi attraverso il portale della Regione Toscana.

Il centro di vaccinazione, secondo i requisiti previsti dai protocolli governativi in materia, è stato dotato e allestito con la tecnologia e la strumentazione necessaria a garantire l’idonea conservazione delle dosi, ed è organizzato in più aree destinate ai diversi momenti dell’iter vaccinale. Nel nartece della Chiesa, tra i bassorilievi  raffiguranti tutte le città italiane collegate dall’autostrada, saranno presenti spazi per l’accettazione, 4 postazioni per effettuare l’anamnesi, e 3 postazioni dove verrà inoculato il farmaco, un’area di osservazione post vaccinazione, oltre a un presidio medico sanitario dedicato alla gestione di eventuali emergenze.

Le vaccinazioni verranno effettuate dal lunedì al sabato con orario continuativo, dalle 9:00 alle 17:30, per le prossime due settimane ad eccezione delle domeniche (23 e 30 gennaio). Ogni giorno verranno inoculate fino a 40 dosi booster per i dipendenti di Autostrade e 160 per il resto della popolazione. Nel centro lavoreranno per tutta la durata delle attività 4 medici, 4 operatori sanitari, e 5 addetti alla logistica e all’amministrazione oltre ai Medici competenti di Aspi.

Sono molto soddisfatto – commenta il presidente della Regione Toscana Eugenio Gianiperché con Autostrade proseguiamo l’esperienza già sperimentata per la campagna di somministrazione delle prime due dosi. Non abbiamo solo un hub aziendale, ma un vero e proprio nodo della nostra rete regionale di somministrazione che diventa sempre più estesa e potrà ricevere un importante contributo per la copertura vaccinale. Un luogo, anche, dalla forte valenza simbolica, essendo collocato in un punto nevralgico del sistema autostradale italiano e dunque crocevia in un Paese che vuole ripartire forte e in salute”.

Toscana Notizie
Autostrade per l’Italia

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO