Calenzano, Villa Carmine: nuovo orario apertura al pubblico

0
270
Villa Carmine

Ricordiamo che in questa prima fase si tratta di una fruizione limitata a un giorno alla settimana con il controllo dei volontari, essendo un bene monumentale che richiede molta attenzione.

Il primo lotto di restauro, che ha riguardato la parte arborea, è stato finanziato dalla Fondazione CR Firenze, nell’ambito del bando “Spazi Attivi” e questa prima apertura è stata possibile grazie alla conclusione del secondo lotto di lavori, del valore di 70mila euro, finanziati dal Comune di Calenzano, che ha previsto il restauro di diverse statue, delle balaustre e delle scoline dell’acqua piovana.

Si accede al parco (di 1,8 ettari) dall’entrata di via del Saccardo n. 155 e il percorso prosegue fino alla villa medicea a San Donato. la proprietà è appartenuta ad Adolfo Carmine, che negò l’uso della villa come quartier generale dell’esercito nazista, rimanendo poi ucciso da una bomba tedesca che colpì il cancello della villa. Il suo patrimonio, villa, parco, terre e case coloniche, fu lasciato all’Accademia delle Belle Arti di Firenze, che ne è ancora proprietaria tramite la Fondazione Adolfo Carmine, che ha concesso il parco in comodato d’uso al Comune. L’Amministrazione ha coinvolto l’Associazione Natura è – Orto collettivo per la gestione degli spazi agricoli che circondano il parco e la villa e per garantire i servizi essenziali di apertura e chiusura del parco.

Comune di Calenzano

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO