Aeroporto, Riggio (pres. Enac): “Basta con i provincialismi. Sicurezza indipendente dal governo”

0
182

Enumerando regole e leggi, l’Ente nazionale per l’aviazione civile dà una spallata al ministro per le Infrastrutture e i trasporti Toninelli. L’argomento è l’ampliamento dell’aeroporto di Peretola. Per il quale il presidente Enac Vito Riggio, tornando alle parole affidate a un comunicato stampa prima dell’avvio della conferenza dei servizi, ribadisce che il governo – scrive La Nazione – può sì cambiare il progetto relativo allo sviluppo dello scalo fiorentino, ma che l’ente che lui guida è l’unico deputato ad approvarlo. In totale autonomia dalla politica, un ente tecnico che garantisce la sicurezza.

In buona sostanza se verrà fatta una revisione del progetto relativo al Vespucci, che lo modifichi rispetto a quanto previsto in quello che Enac ha redatto e sta sostenendo da tre anni, si dovrebbe prima rivedere il Piano nazionale degli aeroporti che è stato approvato con decreto del presidente della Repubblica e l’ok della conferenza Stato-Regioni. Solo dopo questo passaggio si potrebbe di rimettere mano al progetto di Peretola, assoggettandolo prima all’approvazione di Enac e cercando poi – evidentemente – un gestore diverso da quello attualmente in campo. “E’ necessario uscire dai provincialismi – dice Vito Riggio Se un ente deputato alla sicurezza cambiasse idea ogni volta che cambia un governo la sua affidabilità sarebbe pari a zero“. Quindi sarebbe proprio l’indipendenza dell’ente tecnico Enac, rispetto alle scelte poltiche, a garantire la sicurezza delle autostrade del cielo.

(l’articolo integrale nel quotidiano in edicola)

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO