Campi Bisenzio, Gandola (FI): “La linea 30 torni in via Santa Maria”

0
203

Attraverso il seguente comunicato stampa, Paolo Gandola, capogruppo di Forza Italia a Campi Bisenzio, chiede di riportare la linea 30 in via Santa Maria:

Dopo il fiasco della sperimentazione del cambio del senso di marcia in Via Puccini sul quale, finalmente, dopo troppi mesi il Sindaco Fossi è tornato indietro annunciando il ripristino del vecchio e logico senso di marcia in direzione Via Tesi-Via Buozzi, adesso Forza Italia chiede con forza il ripristino della linea 30 in Via Santa Maria.

Come noto – ricorda Gandola – i lavori di Via Santa Maria realizzati in gran parte da Publiacqua hanno richiesto un investimento di 870mila euro ed  hanno riguardato il rifacimento totale della sede stradale e del manto di usura con la segnaletica stradale, il rifacimento completo della rete fognaria, una nuova illuminazione pubblica e l’installazione della fibra ottica. Conclusi i lavori però, l’Assessore Nucciotti ha affermato che per ora l’autobus 30 manterrà il percorso sperimentato in questi mesi durante i lavori passando da Via Barberinese e non più dal percorso naturale di Piazza Gramsci, Via Santa Maria e Via dell’Albero. 

Si tratta di una decisione assurda – commenta Gandolala cui motivazione, data dall’Assessore Nucciotti, alla nostra interrogazione,  risulta ancor più paradossale: la strada è nuova ed il passaggio quotidiano dell’autobus autosnodato potrebbe arrecare danni al nuovo asfalto e pure ai sottoservizi. Una risposta che sa di beffa, attacca Gandola che aggiunge: ma come, la linea 30 è sempre passata da Via Santa Maria e quando hanno progettato i lavori hanno previsto di realizzare un rifacimento della sede stradale così “posticcia” da non riuscire nemmeno a subire più il passaggio del mezzo? Tutto questo ci fa accrescere i dubbi sul livello della progettazione e della realizzazione complessiva dei lavori.

Il problema è dirimente: la nuova direttrice del 30 taglia fuori tutto l’abitato di Santa Maria Via Tosca Fiesoli, Piazza Gramsci, Via Santa Maria e Via dell’albero obbligando i residenti di quelle zone a fare a piedi oltre 800 metri per trovare la prima fermata dell’autobus sulla variante. 

Pensiamo agli anziani, a chi prende l’autobus con una valigia, ai tanti ragazzi delle scuole superiori che si recano alla fermata alle prime ore della mattina, per tutti loro lo spostamento della fermata arreca un gravissimo disagio tanto che in questi giorni che presso il nostro ufficio sono fioccate mail di lamentamele contro la scellerata decisone, aggiunge ancora Gandola. 

Noi di Forza Italia siamo pronti ad avviare una raccolta firme per far cambiare idea all’amministrazione comunale. 

Venendo incontro alle tante richieste dei cittadini il nostro gruppo consiliare si è sempre espresso a favore dello spostamento della Linea 35 dall’abitato di San Donnino sulla Via Pistoiese “vecchia” ma questo, a livello progettuale, è sempre stato ritenuto possibile in quanto sarebbero previste alcune rampe di accesso alle nuove fermate che potrebbero,essere poste, sulla variante che si trova a pochissimi metri di distanza. Nel caso di Via Santa Maria, invece, la variante risulta lontana quasi un chilometro e per questo riteniamo necessario ripristinare quanto prima il tradizionale tragitto dell’autobus, per garantire a tutti di poter usufruire correttamente del mezzo pubblico”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO