Chini duro: “Giunta Fossi ha fatto politiche di destra per cinque anni”

0
56

Nella serata di mercoledì 6 giugno al circolo Rinascita di Campi Bisenzio si è tenuto il confronto tra candidati sindaco organizzato dalla Fiom Cgil. In rappresentanza del sindacato c’erano Daniele Collini, responsabile locale della Fiom, Carla Bonora, responsabile di zona della Cgil, e Daniele Calosi, segretario generale della Fiom Cgil di Firenze.

Di seguito le parole di Adriano Chini, sostenuto da Sinistra Italiana, FareCittà e Sì Parco-No Aeroporto, no Inceneritore:

La concertazione è un metodo di governo – si legge in un comunicato stampa -, perché parte dal presupposto che discutere esalta il ruolo del decisore tramite il confronto. Qui però servono attività produttive di qualità, avere idee chiare e sapere quello che vogliamo, perché questo è l’unico modo per dare tempi certi a chi vuole investire. Bisogna creare le condizioni affinché il nostro territorio sia attrattivo. Ma se chi è intenzionato a investire non trova un punto di riferimento in Comune, allora se ne va da un’altra parte e noi non possiamo permetterlo: Campi non deve restare al palo. Adesso è insensato parlare di scuola superiore nella nostra città, visto che quella che avevamo è stata svenduta. Una scelta dissennata perché, con circa 500 nascite l’anno, siamo tra i Comuni più giovani d’Italia. Prima gli attuali amministratori l’hanno ceduta e adesso ne vorrebbero un’altra: è un ragionamento che non regge. 

Serve una politica più concreta, non quella fatta di bla, bla, bla e di posizioni teoriche. In questi giorni l’amministrazione uscente sta correndo ai ripari con il rifacimento della segnaletica e lo sfalcio del verde, mentre per 5 anni è rimasta immobile. Pensate alla bretella di Capalle: dovrebbe già essere stata realizzata. Nel 2013 avevo lasciato in eredità gli accordi e la convenzione con i privati, che poi è stata cambiata per ben 2 volte da Fossi. La scusa era che i proprietari non potevano permettersi la fideiussione: stiamo parlando di 4 tra i più grandi imprenditori della Toscana e nessuna banca o assicurazione ha voluto concedergliela? No, il problema è che chi ha trattato con queste persone è stato un ingenuo o, peggio, non ha fatto l’interesse dei campigiani. E se non è vero quello che affermo, sono disposto a rinunciare da subito alla mia candidatura. Ma il fatto più sconcertante è che in questa legislatura, nominalmente di centrosinistra, è stata fatta una politica di destra. La vicenda della bretella ne è una testimonianza, ma lo sono ancora di più il taglio del contributo affitti, da 500 a meno di 200mila euro, e la riduzione da 15mila a 7500 euro dell’esenzione totale dall’addizionale Irpef. Il sindaco uscente si è prodigato per chi ha più possibilità e ha sfavorito chi è socialmente ed economicamente più debole: se non sono state queste scelte tipiche della destra, mi domando come possano essere definite, ma certamente non di sinistra”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO