Rifiuti: a Sesto comincia l’era del sistema di raccolta porta a porta

0
4152
Da sinistra: Luca Silvestri, Silvia Bicchi, Lorenzo Falchi

Aumentare la qualità e la quantità di raccolta differenziata passando dall’attuale 63% al 80%. E’ l’obiettivo del nuovo porta a porta a Sesto Fiorentino. Il sistema, già attivo nelle zone industriali, sarà esteso nei prossimi mesi a tutto il territorio comunale e prevede la suddivisione della città in cinque lotti da circa diecimila utenze ciascuno. Le prime ad essere coinvolte, da lunedì 5 novembre, saranno quelle dell’area Sud Ovest Ferrovia: Padule, Val di Rose, Querciola, Togliatti, Ariosto, Zambra e Parco della Piana. Per il primo lotto la data di ritiro dei rifiuti è lunedì 7 gennaio 2019.

Nell’anno nuovo altri lotti usufruiranno del porta a porta. Dal maggio 2019, in particolare, il sistema sarà esteso al Sud Est Ferrovia, dal Polo scientifico, Pasolini, Osmannoro e Quinto Basso. Sarà poi la volta della zona Nord Ovest (Neto, Campo Sportivo, Richard-Ginori e Ovest Centro Storico) e, prima della conclusione del 2019, dell’area Nord Est (Centro Storico, Ragnaia, Oliveta, Machiavelli e Repubblica). Nel 2020 toccherà a Colonnata, Querceto, Camporella, Doccia, Cercina e Quinto Alto.

Nel dettaglio, ogni utenza domestica avrà un kit singolo per la raccolta differenziata dei rifiuti. Ci saranno tre bidoncini: uno marrone per l’organico che sarà ritirato il lunedì e il venerdì, uno giallo per la carta e il cartone con giovedì come giorno di ritiro e uno grigio per il residuo non differenziabile che sarà ritirato il martedì. Ci saranno anche sacchi azzurri, che saranno portati via il mercoledì, per imballaggi in plastica/metalli/poliaccopiati/polistirolo. Il vetro dovrà essere conferito nelle campane stradali. Ai condomini con più di quattro utenze saranno consegnati dei kit condominiali. A tal proposito il Comune di Sesto ha contattato gli amministratori per individuare uno spazio adeguato alla raccolta dei rifiuti.

I dettagli del nuovo sistema porta a porta saranno illustrati nel corso di due incontri pubblici: il primo si terrà lunedì 12 novembre alle 21 nella chiesa di San Bartolomeo a Padule, il secondo è in programma venerdì 16 novembre, stesso orario, al circolo Auser in via Pasolini. Non solo perché sabato 10 novembre in piazza Vittorio Veneto dalle 10.30 alle 20 ci sarà un appuntamento di lancio del nuovo progetto al quale parteciperanno bambini e varie associazioni.

Il sistema di raccolta porta a porta prevede inoltre l’abbandono, ad eccezione della campana per il vetro come scritto sopra, dei cassonetti stradali che saranno eliminati progressivamente per lotti dal 7 gennaio. I cassonetti interrati, presenti in quattro postazioni nel centro, “saranno utilizzati prima di tutto come campane per il vetro, dato che in centro il vetro non c’è – spiega Silvia Bicchi, assessore all’ambiente del Comune di Sesto Fiorentino -. Verranno usati come valvola di sfogo o appoggio per le frazioni di organico, differenziato e materiali leggeri in aggiunta al vetro“.

“È un impegno che ci eravamo presi in campagna elettorale e poi nel programma di mandato – dice il sindaco Lorenzo Falchi -. Il sistema porta a porta è per noi il più adatto per raggiungere certi obiettivi e responsabilizzare e coinvolgere la cittadinanza. Chiediamo un cambio di abitudini ai cittadini, ci rendiamo conto dell’impegno, ma sappiamo quanto sia importante l’attenzione al decoro”.

Siamo soddisfatti, è stato un percorso complesso. Finalmente riusciamo a cambiare il sistema di gestione dei rifiuti. Sul territorio ci sono sistemi di raccolta eterogenei, in questa maniera uniformiamo il territorio – le parole di Silvia Bicchi -. Vogliamo migliorare la qualità e la quantità della raccolta differenziata. Puntiamo anche alla riduzione della produzione pro capite dei rifiuti. Alla base di questo modello c’è una nuova filosofia: responsabilizzare ancora di più i cittadini. Faremo anche un censimento delle utenze e aggiorneremo il database del Comune che da pochi mesi ha reinternzalizzato il servizio“.

Il sistema di raccolta porta a porta a Sesto è in continuità con i modelli già attivati con successo dalla nostra direzione in altre aree territoriali. Il nuovo modello permetterà di raggiungere risultati significativi sia sul piano della qualità che della quantità dei materiali avviati a riciclo“, conclude Luca Silvestri, direttore area servizi Alia di Prato.

Per maggiori informazioni è possibile chiamare il call center di Alia attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19.30 e il sabato dalle 8.30 alle 14.30 ai numeri 800 888 333 o 199 105 105.

STEFANO NICCOLI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO