Sesto, comincia la stagione teatrale Metropolis: “Il Biglia e Lorenzina” il primo spettacolo

0
114

La stagione teatrale 2018 /2019 dello Spazio Metropolis, il piccolo spazio gestito dall’associazione culturale Metropolis che dal 1993, a Sesto Fiorentino,  si occupa di allestimento e produzione di spettacoli teatrali, inizia con lo spettacolo  “Il Biglia e la Lorenzina“.

Sabato 27 Ottobre ore 21,15 e Domenica 28 ottobre ore 17 saranno infatti in scena Tommaso Parenti e Chiara Meriggi in  uno spettacolo, fatto di due diversi monologhi, di teatro di narrazione.

Questo strumento teatrale, la narrazione, è  diventata in questi ultimi anni una delle priorità della piccola ma importante realtà teatrale sestese. Il desiderio di narrare, meglio ancora la necessità impellente di raccontare, deriva dall’incontro fondamentale con una attrice “immaginifica”, come lei stessa si descrive, Silvia Frasson. Con lei si sono affinate le tecniche e si sono aperte delle porte inesplorate. Ne è nato uno spettacolo di narrazione vivo, vero, con cambi repentini, dolce ed amaro, buffo e drammaticissimo. In un sapiente alternarsi di sentimenti, di sfondi, di situazioni. Il tutto modulato dalla garbata e precisa recitazione di Chiara Meriggi e dalla forte e terrena drammaticità regalata da Tommaso Parenti.

Perchè rispetto alla recitazione, la narrazione è una cosa più rozza e più raffinata allo stesso tempo. E’ qualcosa che ha a che fare con la vita di tutti i giorni: si deve sentire che il narratore è impastato della stessa materia degli spettatori; non è qualcuno che è più in alto”, ci racconta lo stesso Tommaso Parenti citando il grande Marco Baliani.

Il “ Biglia “ di Tommaso Parenti è una storia ambientata  nell’entroterra della Versilia degli anni 90. E’ una storia nata prendendo spunto dal romanzo di Niccolò Ammaniti ti prendo e ti porto via”. E’ una storia cruda, vera, a volte comica, a volte disperata, con un finale a sorpresa (che si allontana in maniera netta dal romanzo).  E’ la storia di uno di noi, sembra di avere nel mitico Graziano Biglia l’amico di sempre, quello che troviamo al bar. Non si può non volere bene al Biglia…

Siamo invece negli anni immediatamente successivi alla guerra, a Firenze, quando si racconta di Lorenzina. Una ragazza che ama studiare, innamorata della vita. Una storia nata guardando un dipinto ed immaginando la vita di quella ragazza dal cappotto rosso. Un lavoro drammaturgico importante quello di Chiara Meriggi, che si è immedesimata tantissimo nel suo personaggio, curandone i dettagli, i movimenti, i personaggi di contorno che ne definiscono il carattere e l’epoca.

Due personaggi VIVI, insomma. Che hanno qualcosa in comune che solo chi ascolta potrà capire.

Lo spettacolo si terrà presso lo SpazioMetropolis di Sesto Fiorentino (Via Gramsci 208).

Per informazioni e prenotazioni : [email protected] o 338-2439068

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO