“Sfogliando vecchi giornali”: la biennale enogastronomica

0
329

Budella di maiale preparate al modo di Spartaco della Trattoria “La Gioconda” di Panicaglia, roventini alla maniera di Gigi de’ Pallai (Luigi Acciaioli) che aveva la bottega sulla Strada, chiocciole e poi ancora lampredotto, trippa, stufato di pelliccia (quello con molte patate e poca ciccia) e chissà quante altre prelibatezze i sestesi gustarono in quel piovoso 9 novembre del 1980.

Le cronache riportano i consumi: quattro quintali e mezzo di budella (volate via come il vento), cento chili di sangue di maiale, due quintali fra trippa e lampredotto, quattromilaottocento chiocciole. Sono alcuni dei numeri della manifestazione organizzata dall’Associazionismo Sestese in occasione della Biennale Enogastronomica Toscana. Riportati evidentemente da un giornalista non sestese e quindi ignaro del fatto che i sestesi, come dice un vecchio detto, le budella le misurano a braccia e non a chili.

io un vo’ di’ che a sesto vu sia della gentacciaperò il companatico vu lo misurate a braccia

La manifestazione non si chiuse quella domenica. Durò dieci giorni e chi pensò di aumentare ancora il livello dei trigliceridi trovò soddisfazione nei ristoranti e nelle trattorie di Sesto.

Chi proprio non riuscì a soddisfare il palato in quella circostanza ebbe comunque modo di rifarsi a febbraio quando si tenne la tradizionale Sagra delle Budella e del Roventino.

Sfogliando i giornali dell’epoca rimane un dubbio che speriamo i nostri lettori possano fugare: si parla di biennale ma notiamo che dal 1980 si passò direttamente al 1983. Cosa successe?

Tre anni fu forse il tempo necessario per reperire i ranocchi o per preparare i sommommoli?

E qui chiedo di nuovo soccorso ai lettori perché nella lingua che ho parlato per 56 anni il sommommolo non è altro che un cazzotto mentre l’ignoto giornalista de La Nazione mi vuol far credere che si tratti di un “cencio”. Mah!

Daniele Niccoli

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO