Approvato il piano intercomunale della pianificazione tra i Comuni di Sesto e Calenzano

0
256
Simbolo del Comune di Sesto Fiorentino

Con 17 voti favorevoli, zero contrari e cinque astenuti il Consiglio comunale di Sesto Fiorentino ha approvato lo schema di convenzione per l’esercizio associato delle funzioni della pianificazione territoriale tra i Comuni di Calenzano e Sesto.

E’ uno degli atti più importanti di un mandato amministrativo. I piani strutturali sono fondamentali per la pianificazione del territorio. L’ultimo è stato approvato nel 2004 – ha detto il vice sindaco Damiano Sforzi -. Il piano identifica le macro funzioni di un territorio, dove si vuol lasciare spazi vuoti, dove si vuol lasciare il verde, dove collocare la parte produttiva di una città, dove si vogliono fare i servizi, dove si può prevedere che ci siano delle modifiche urbanistiche.

Rappresenta la carta costituzionale della nostra città. Il fatto di non volerlo fare da solo penso sia un elemento importante. E’ un atto coraggioso. I piani intercomunali non sono un’invenzione dell’ultima legge regionale, sono contenuti nella legge urbanistica del 1942. Il piano intercomunale porta due vantaggi importanti: 1) un vantaggio da un punto di vista pianificatorio, le funzioni vanno oltre i confini comunali. Si riuscirà a identificare meglio le caratteristiche macro urbanistiche dei nostri territori; 2) un vantaggio economico. L’articolo 23 della legge 65 del 2014 ci dice che saranno individuate forme di incentivazione per la redazione dei piani strutturali intercomunali. Oggi viene lanciata una sfida che noi raccogliamo”.

STEFANO NICCOLI

NESSUN COMMENTO