Brunori (Lega Sesto) su Mattei (IV): “Anche la sinistra si è svegliata dal torpore”

0
400
Daniele Brunori

Stanno facendo discutere le proposte di Luigi Mattei, candidato per Italia Viva nella Piana alle scorse elezioni regionali, per rilanciare il cento di Sesto Fiorentino.

Daniele Brunori, responsabile della Lega Sesto, è soddisfatto perché vede una continuità tra le proposte del Carroccio e quelle del partito guidato da Matteo Renzi:

 

Il comunicato di oggi non è né una denuncia né una critica. Oggi vogliamo spenderci in un ringraziamento. Un ringraziamento ad Italia Viva.

Abbiamo infatti letto con piacere e soddisfazione le parole di Mattei di martedì scorso sulle proposte di I.V. per il centro di Sesto.

 

E’ del tutto evidente, infatti, che le proposte del comunicato raccolgono le istanze e le idee della Lega e del nostro gruppo cittadino. Sono mesi infatti che, dando voce alle richieste di residenti e commercianti, chiediamo più sicurezza (con pattugliamenti e videosorveglianza) e l’eliminazione dei dispositivi d’intralcio al commercio cittadino (come ZTL e parcheggi a pagamento).

 

Finalmente, quindi, anche la sinistra si è svegliata dal proprio torpore e ha compreso quanto sia dannosa una politica che premi soltanto la grande distribuzione, con i suoi effetti corollari di spopolamento del centro e di creazione di quartieri dormitorio, e di quanto sia importante che i cittadini di Sesto possano tornare a passeggiare serenamente per le vie della città.

Ci dissociamo, però, dalla proposta di “Daspo Urbano”, perché la libertà di circolazione è un diritto costituzionale, e può essere limitata soltanto dal potere giudiziario, non da un sindaco.

Forse, per la voglia di aggiungere qualcosa di suo alle nostre proposte, Mattei ha voluto esagerare.

 

Noi crediamo nello Stato di Diritto e nella Costituzione, pertanto invitiamo I.V. a riconsiderare quest’idea dai toni anti-democratici.
Per il Centro di Sesto e per gli altri quartieri stiamo già lavorando ad ulteriori ed innovative proposte che renderemo presto note alla cittadinanza. Siamo sicuri che anche stavolta I.V. e la sinistra le troveranno interessanti”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO