Calenzano: sanzione per uso scorretto dell’acqua in una piscina

0
318
Carabinieri
Pixabay

I militari del Nucleo CC Forestale di Ceppeto (FI) a seguito di accertamenti nell’ambito della campagna di controlli 2023 sul corretto uso della risorsa idrica e idropotabile nel Comune di Calenzano, hanno sottoposto a controllo una piscina privata ad uso collettivo, di cui all’art. 3 comma 1 lettera a) numero 2 della Legge Regionale Toscana n. 08/2006 e s.m.i., connessa ad una struttura ricettiva con accesso consentito agli ospiti della struttura costituita da appartamenti in affitto.

La piscina in muratura con capienza di circa 100 mc di volume è alimentata da acqua proveniente da una sorgente regolarmente denunciata, ma sprovvista di misuratore di portata così come previsto dalla norma. Inoltre erano stati omessi tutti quei controlli di natura igienico sanitaria previsti dalla normativa vigente ovvero: la mancata presentazione di Scia/Comunicazione di esercizio presso il SUAP competente, la mancata adozione di documentazione relativa al funzionamento e all’autocontrollo, nonché la mancata predisposizione di un piano di valutazione del rischio e la mancata esposizione del regolamento della piscina ben visibile agli utenti.

Da accertamenti ulteriori l’attività ricettiva veniva svolta in assenza di comunicazione al SUAP del Comune di Calenzano per cui lo stesso procederà per gli adempimenti di competenza.

La violazione delle norme sopra descritte ha comportato la immediata chiusura dell’attività e l’irrogazione di sanzioni amministrative per un importo di 3.900 Euro.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO