Calenzano verso le elezioni: Maienza Biancastella è la candidata sindaco di Forza Italia

0
1011

Maienza Biancastella è la candidata sindaco di Calenzano sostenuta da Forza Italia. 55 anni e direttore amministrativo del tribunale di Firenze. Alle elezioni comunali sfiderà Riccardo Prestini della coalizione “Calenzano Insieme” formata Partito Democratico, Calenzano Futura e Partito socialista Italiano, Marco Venturini, appoggiato da “La Sinistra per Calenzano” e “Per la mia Città“, e Americo D’Elia di Fratelli d’Italia e Lega.

Ringrazio Forza Italia per la fiducia, stiamo cominciando un percorso coraggioso. Il nostro programma richiama i valori della nostra cultura giuridica, dobbiamo rimettere la famiglia al centro del lavoro e delle esperienze – dice Biancastella -. Vogliamo istituire un assessorato alla famiglia focalizzato anche sui giovani, non a caso sono presenti nella nostra lista. Vogliamo incentivare i servizi sociali, non possiamo non pensare ai problemi che affliggono le famiglie. Al centro del programma ci saranno il lavoro e i giovani che vogliamo educare alla legalità nel rispetto del diverso. Un altro punto presente nel programma elettorale sono gli affitti agevolati. E poi le imprese: i tanti centri commerciali che stanno aprendo stanno facendo chiudere le piccole imprese, dovremo rivedere anche questo aspetto“.

Vogliamo ripresentare quei valori che abbiamo portato in campo nel 1994. Valori che riguardano la famiglia, il liberalismo e i concetti cristiano democratici nuovamente presenti a Calenzano. Rappresentiamo tutte le età, nella nostra lista ci sono candidati con età tra i 18 e i 75 anni“, dichiara un’emozionata Rosanna Fantini, coordinatrice di Forza Italia a Calenzano.

“Il nostro è un progetto di rifondazione valoriale. In questi anni abbiamo visto troppi personalismi. Abbiamo deciso di puntare su una persona che mettesse al centro i valori e le competenze“, aggiunge Paolo Gandola, vice coordinatore provinciale di Forza Italia.

Il centrodestra correrà diviso alle elezioni: Maienza Biancastella da una parte, Americo D’Elia dall’altra. A spiegare il motivo della mancata sintesi è lo stesso Gandola: “Siamo convinti che al ballottaggio andremo noi come seconda lista. Non abbiamo condiviso alcuni passaggi che hanno portato alla scelta del candidato sindaco da parte dei nostri alleati anche se il rapporto con loro resta. E’ importante rimettere al centro le persone. La linea programmatica è stata poco concordata“.
La capolista è Monica Castro.

STEFANO NICCOLI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO