Castello Calenzano Alto: Consiglio comunale vota per l’acquisizione

0
74
Tutto Sesto

Il Consiglio Comunale di Calenzano ha deliberato a maggioranza, nella seduta di martedì 23 novembre 2021, a favore dell’acquisizione del complesso del Castello di Calenzano Alto e di alcuni appezzamenti di terreni pertinenziali.

 

Nel suo intervento – si legge in una nota stampa della segreteria del primo cittadino – il sindaco Riccardo Prestini ha ripercorso la vicenda del complesso immobiliare che , oltre a essere un immobile di pregio, rappresenta a tutti gli effetti uno dei simboli del territorio e della sua comunità, ricordando che il contratto di locazione di affitto con il privato è vigente dal 2002, anno in cui l’Amministrazione di allora decise di entrare nella disponibilità di questo edificio storico per utilizzarla per attività istituzionali, manifestazioni, cerimonie e attività promozionali e culturali, che consentissero una valorizzazione ed un utilizzo pubblico dell’antica struttura fortificata e del più complessivo borgo storico di Calenzano Alto.

 

La struttura, come è stato ricordato durante la seduta, ospita la sede del Museo comunale del figurino storico (MuFiS), riconosciuto di rilevanza regionale, cerimonie, iniziative e rassegne, dal Carnevale medievale a Lunaria, passando da Calenzano Estate.

 

In questi quasi venti anni – ha detto Prestini ci sono stati vari tentativi dei mie predecessori di sondare la disponibilità della proprietà per una compravendita ma, in passato, non è si è reso mai possibile raggiungere lo scopo. Quest’anno si è presentata un’opportunità unica per raggiungere l’obiettivo di dare, finalmente, alla popolazione di Calenzano la piena titolarità di un bene di pregio ed identitario della nostra comunità: l’uscita di uno specifico “bando per la cultura” dell’Istituto per il Credito Sportivo destinato a finanziare interventi di tutela, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale con finanziamento a tasso zero. Si tratta quindi di un acquisto di un bene con pagamento dilazionato negli anni la cui proprietà però viene subito acquista dal Comune alla stipula del contratto di compravendita. La perizia giurata dal tecnico esterno incaricato ha valutato congruo il valore di mercato dell’immobile in 3.250.000 euro e questo è il prezzo di acquisto che il Comune pagherà all’attuale proprietario. Ritengo si tratti di un’operazione vantaggiosa perché l’impatto del rimborso periodico del prestito mutuato sul bilancio del Comune è in linea con il livello del canone di affitto annuale che noi paghiamo, di circa 107mila euro oltre IVA al 22%. Con la differenza che è ben diverso pianificare interventi di valorizzazione su un bene di proprietà dell’Ente rispetto a uno in locazione.”

Riccardo-Prestini-orizzontale-300x228
Riccardo Prestini

 

Dopo la delibera del Consiglio Comunale, l’Amministrazione procederà a perfezionare il
preliminare di acquisto del complesso con la proprietà e presenterà domanda di
erogazione del mutuo al Credito Sportivo finalizzato alla concessione del finanziamento;
l’iter tecnico dovrà concludersi entro la fine dell’anno. Il trasferimento effettivo del bene
dovrà avvenire entro 18 mesi dalla data di stipula del contratto di mutuo.

 

La votazione in Consiglio Comunale ha visto dieci voti favorevoli (Partito Democratico e
Calenzano Futura), tre astenuti (Sinistra per Calenzano – Per la mia città) e uno contrario
(Lega Salvini Calenzano).

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO