Centraline Settimello: i dati dell’Università

0
56
Comune di Calenzano

L’Università degli Studi di Firenze ha presentato i primi dati del progetto di monitoraggio dell’aria a Settimello, realizzato in collaborazione con l’Amministrazione Comunale per valutare l’incidenza delle emissioni e le principali sorgenti. Valori nei limiti e in linea con i dati di zona di Arpat.

“Si aspetta il report ufficiale, ma i dati forniscono un quadro chiaro delle emissioni in quella zona – ha commentato l’Assessore all’Ambiente Irene Padovani -, confermando il fatto che i valori sono in linea con quelli di tutta l’area fiorentina. Riguardo alle sorgenti delle emissioni, le principali cause sono la combustione di biomassa per il riscaldamento delle abitazioni (caminetti e stufe) e il traffico veicolare. L’industria incide per una percentuale molto bassa”.

Si conclude così il monitoraggio della qualità dell’aria a Settimello, promosso dall’Amministrazione con due distinti progetti: la centralina mobile di Arpat, che ha coperto determinati periodi nelle varie stagioni e la centralina dell’Università di Firenze che è rimasta in zona da giugno 2020 a giugno 2021, raccogliendo 200 campioni. Rimane invece attivo il biomonitoraggio tramite l’analisi dei licheni.

“L’indagine era nata per fornire un quadro scientifico alle segnalazioni dei cattivi odori – ha concluso Padovani -. Da quanto annunciato non si notano particolari correlazioni tra le sorgenti identificate e le segnalazioni dei cattivi odori. Inoltre, le segnalazioni non corrispondo a valori elevati nella concentrazione del PM10”.

I valori di concentrazione del PM10 sono in linea con quelli trovati in altre centraline ARPAT dell’area di Firenze-Prato: in un anno si sono avuti 26 giorni di sforamento del limite di 50 mg/m3, che in un anno non deve essere superato più di 35 giorni. I superamenti sono tutti nel periodo invernale, a causa sia dei riscaldamenti domestici con biomassa che delle condizioni meteo, che favoriscono la concentrazione di particolato. I metalli sottoposti a normativa (Pb, As, Ni, Cd) sono tutti ampiamente sotto i limiti di legge.

Le principali sorgenti di PM10 sono risultate la combustione per il riscaldamento domestico con biomassa, il traffico veicolare e un dato chiamato “suolo urbano”, composto essenzialmente da polveri di origine antropica. Durante l’anno le principali sorgenti sono così suddivise: combustione 20%; traffico 14,5%; suolo urbano 19,1%; industria 5,3%. Nei giorni di sforamento la percentuale del riscaldamento domestico con biomassa sale sensibilmente: combustione 34,3%; traffico 12%; suolo urbano 21,6%; industria 8,1%.

Tutti i dati raccolti, sia da Arpat che dall’Università, saranno presentati alla cittadinanza in un’assemblea pubblica, insieme ai progetti che l’Amministrazione metterà in campo per mitigare ancora le emissioni.

Comune di Calenzano

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO