“Il mercante di luce” al teatro Manzoni

0
177
Il Mercante di Luce

Sabato 4 febbraio alle ore 21,15 al Teatro Manzoni di Calenzano, va in scena il secondo spettacolo della stagione in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo. Ettore Bassi sarà il protagonista de “Il Mercante di Luce”, bellissimo e toccante romanzo scritto da Roberto Vecchioni, che narra del viaggio poetico di un padre e di un figlio affetto da progeria.

Stefano Quondam è un professore di letteratura greca, grandissimo e misconosciuto, un Don Chisciotte che non ha mai smesso di combattere una testarda battaglia contro la stupidità e l’omologazione. Certo, è al tempo stesso un uomo imperfetto, pieno di difetti, ma vuole trasmettere al figlio, quanto ha di più prezioso: la cultura. Vuole credere con tutto sé stesso che la bellezza che gli tempesta la memoria sia una luce così potente da svergognare il buio. Ma tra i due, chi è veramente il mercante di luce? Chi salva l’altro? Questa è la cronaca dei giorni di un ragazzo colto e curioso, emozionato e coraggioso e di un padre che con dedizione e amore tenta di spiegare il senso della vita, l’unico che conosce. Il filo che li unisce è la poesia: un excursus appassionato, un viaggio in cui si rincorrono i grandi gesti e le tenere paure di poeti e poetesse dell’unico tempo possibile, quello tra il mito e l’invenzione, in un punto sospeso tra pagine da sfogliare, passioni e vita vissuta.

Lo spettacolo abbraccia lo stile e la magnificenza narrativa di Roberto Vecchioni e con una storia che attraversa il nostro presente ci fa entrare nella dimensione dei classici, ci immerge nella grande letteratura del passato che avvolge tutti noi con la sua luce.

Parole febbrili e piene d’amore, pronunciate da un padre al proprio figlio: il tentativo di lasciargli un dono, il più grande possibile, oltre la felicità, il disamore e l’amore, la casualità di nascere oppure no, oltre tutto questo che è un frullar d’ali in una melodia alta e che ci portiamo dentro al di là del tempo dato. Perché non importa quanto si vive, ma con quanta luce dentro.

IL MERCANTE DI LUCE

Roberto Vecchioni non ha bisogno di presentazioni. Wikipedia lo classifica come cantautore, paroliere, scrittore, poeta ed ex insegnante italiano. Ma in realtà le definizioni possibili sarebbero ancora altre, ma soprattutto Vecchioni è uno dei “padri nobili” della canzone d’autore italiana. Di alta qualità è la sua produzione letteraria che conta saggi e romanzi. Come nelle sue canzoni, anche in questo caso Vecchioni riesce a “raccontare” storie che percorrono il nostro presente con lucidità, profondità e quella vena poetica così riconoscibile e straordinaria.

Ettore Bassi è attore di cinema e teatro con alle spalle un lungo e prestigioso curriculum. Se il grande pubblico lo conosce per le fiction TV, ultima in ordine di tempo “Svegliati amore mio” insieme a Sabrina Ferilli per la regìa di Ricky Tognazzi, Bassi ha all’attivo un’intensa attività in teatro in compagnie primarie ma in particolare spicca il monologo “Il sindaco pescatore” dove, nei panni di Angelo Vassallo, ha portato in scena una storia di forte impegno civile. Il ruolo di Stefano Quondam, protagonista de “Il mercante di luce”, mette in evidenza la sensibilità di uno degli attori più amati della scena italiana.

Ivana Ferri è una regista teatrale attenta a temi sociali che caratterizzano il nostro tempo. Ha collaborato con personaggi di primo piano della cultura italiana come Dacia Maraini, Vittorino Andreoli, Claudio Magris, Alda Merini elaborando trasposizioni teatrali da opere letterarie e portandole in scena con grandi riscontri di pubblico. Con Roberto Vecchioni ha realizzato alcuni anni fa uno spettacolo per MiTo dal titolo “Sogna Ragazzo sogna”. Dopo avere nelle ultime stagioni affrontato il tema degli ospedali psichiatrici e degli anni di piombo con lo spettacolo “Quello che l’acqua nasconde” di Alessandro Perissinotto per la stagione del Teatro Stabile di Torino, affronta ora in questo lavoro delicato e poetico il tema del rapporto padre-figlio, colto da una prospettiva insolita e coinvolgente.

I biglietti per lo spettacolo sono acquistabili su www.ticketone.it e in tutti i punti vendita Box Office Toscana. Info e prenotazioni: www.teatromanzonicalenzano.it
Mail to: [email protected]
Biglietti:
Intero: 14 euro
Ridotto under 20 e over 65, soci Coop e allievi Scuola Foà: 12 euro

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO