Inaugurazione a Firenze delle vie intitolate ad Alfredo Martini e Franco Ballerini

0
201
Piazzale Alfredo Martini
Foto: Dario Baldi

Si e’ svolta questa mattina (lunedì 17 maggio, ndr) a Firenze la cerimonia di intitolazione di due vie del capoluogo toscano in memoria degli ex ct della Nazionale di ciclismo Alfredo Martini e Franco Ballerini. Le due strade si trovano nella zona di San Bartolo a Cintoia a Firenze in prossimita’ del ‘Ciclodromo Graziella Cenni’.

Alla cerimonia di intitolazione erano presenti le figlie e i nipoti di Alfredo Martini, Sabrina Ballerini, moglie di Franco, l’assessore alla toponomastica Alessandro Martini, l’assessore allo sport Cosimo Guccione, l’assessore alla mobilita’ Stefano Giorgetti ed il presidente della Toscana Eugenio Giani.

“Firenze si prepara ad accogliere il Giro con una serie di iniziative – ha sottolineato l’assessore Guccionesu tutte l’intitolazione di questi luoghi pubblici della nostra città a due grandi del ciclismo. Proprio davanti al ciclodromo lasciamo un segno tangibile di due personaggi straordinari che hanno fatto la storia di questo sport. Ogni giorno quelle bambine e quei bambini che verranno qui ad allenarsi si ricorderanno di due grandi uomini, due sportivi veri che sono rimasti nel cuore di tutti”.

“Ho avuto la fortuna e il piacere di conoscere benissimo e di frequentare Alfredo Martini, mio concittadino di Sesto Fiorentino – ha dichiarato l’assessore Martini – per me è  stato un punto di riferimento e nella sua lunga vita ha dato sempre dimostrazione di incarnare valori fondamentali per tutti: umiltà, sincerità, coerenza, correttezza, onestà. Punto di riferimento lo e’ stato anche Franco Ballerini ed averli accomunati qui a San Bartolo non è stato un fatto secondario, anzi. Attraverso la loro testimonianza, molto diversa per tanti motivi ma così identica, possono essere un monito, un segno, una responsabilita’ per tutti noi. In questa porzione di quartiere dedicata allo sport due uomini come loro renderanno più bello, nobile ed incoraggiante fare sport“.

ITALPRESS

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO