Mense: obiettivo zero sprechi per Qualità & Servizi

0
319
Foto tratta da Facebook

Zero sprechi di cibo, economia circolare e sinergie con i produttori locali: sono alcuni degli obiettivi che Qualità&Servizi, l’azienda totalmente pubblica che eroga il servizio mensa nelle scuole dei Comuni di Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa e Calenzano, intende raggiungere nei prossimi mesi grazie ad un ambizioso piano di aggiornamento e investimenti che ne potrebbe fare una realtà unica nel panorama nazionale ed europeo. Futuro dell’azienda e progetti per il prossimo anno stati presentati giovedì 30 maggio ai genitori della commissione mensa di Sesto Fiorentino; all’incontro, durante il quale sono stati confermati anche i progetti di educazione alimentare già avviati da tempo con successo nelle scuole del territorio, era presente anche l’assessore all’istruzione Silvia Bicchi.

Il gradimento per il nostro servizio rimane molto alto, sia tra le famiglie che tra i bambini che, a tavola, hanno dimostrato di apprezzare i miglioramenti introdotti in questi mesi nelle preparazioni – ricorda l’amministratore unico Antonio Ciappi Da qui è partita la sfida alla riduzione degli sprechi. Da gennaio i nostri operatori sono dotati di tablet che permettono di raccogliere direttamente sul posto dati riguardanti le quantità distribuite e le quantità non consumate. Questo ci permette di attuare immediatamente correttivi nella preparazione, di cambiare eventualmente gli abbinamenti e di incontrare meglio il gusto dei bambini”.

L’introduzione dei tablet si è tradotta, solo a Sesto Fiorentino, in una riduzione del 5% della quantità di cibo “sprecato”. “I piatti vuoti a fine pasto sono il dato più importante e il primo passo fondamentale nella lotta allo spreco – prosegue Ciappi – C’è poi il cibo avanzato non servito, per il quale siamo in contatto con alcune associazioni caritatevoli che possono occuparsi della distribuzione ai più bisognosi”.

Il salto di qualità vero e proprio, però, avverrà con il progetto che l’azienda sta portando avanti con la collaborazione della Camera di Commercio di Firenze, della Scuola Superiore S’Anna di Pisa e della Regione Toscana: “Ci stiamo dotando di una compostiera per trasformare in proprio avanzi e scarti in compost di altissima qualità da distribuire ai nostri fornitori locali, creando un sistema perfetto di economia circolare con pochi altri esempi nel panorama nazionale ed europeo”.

Non è questo l’unico progetto che Q&S si appresta a sviluppare in sinergia con i produttori locali. “Abbiamo acquisito un nuovo macchinario che ci permetterà, in tutta sicurezza alimentare, di produrre in proprio pesti, salse e marmellate – dice ancora Ciappi – e abbiamo il progetto di acquisire altri macchinari che ci permetteranno di trasformare la frutta e la verdura a chilometro zero, offrendo ad esempio ai bambini la frutta già sbucciata, in modo da incentivarne il consumo. Con le marmellate, inoltre, ci proponiamo di arrivare a fornire una merenda di metà mattinata gustosa e varia, accanto, ovviamente, alla frutta, un’esperienza oramai consolidata. Un ulteriore salto di qualità sarà dato dallo sterilizzatore che permetterà di mettere in barattolo salse e conserve. L’intento è duplice, in questo caso: da una parte fornire alle scuole un prodotto che può essere impiegato in attività e progetti didattici, dall’altra favorire la trasformazione di materie prime del territorio che spesso i produttori locali non hanno da soli la forza di valorizzare come meritano”.

Comune di Sesto Fiorentino

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO