Toccafondi (IV): “Officine Osmannoro sono un vanto, governo si faccia sentire”

0
333
Gabriele Toccafondi, AP

A lanciare l’allarme è stata la Cisl Toscana: “Le Ferrovie dello Stato vogliono dismettere le officine dell’Osmannoro“. Su questa vicenda si esprime anche il deputato fiorentino di Italia Viva, Gabriele Toccafondi:

“Dopo l’allarme lanciato dai sindacati, ho appena presentato una nuova interrogazione al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti sulla situazione che riguarda il polo manutentivo ferroviario dell’Osmannoro.

Nel 2018 il ministro dei trasporti, rispondendo alla mia interrogazione, annunciava investimenti, assunzioni, una nuova classe dirigente e 15 milioni di risorse.  In due anni è avvenuto tutto il contrario. Non sono arrivati né investimenti, né dirigenti in più. Dei 220 dipendenti presenti nel 2018 ne sono rimasti solo 156 (-30%) ed è invece raddoppiata la presenza di lavoratori di ditte private in supporto (da 50 a 100). Le Officine di Osmannoro sono un vanto sia per le strutture all’avanguardia sia per il personale altamente qualificato. Il Governo si faccia sentire. Non permetto che si svenda un patrimonio non solo di Firenze ma della Toscana”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO