Zambini (Pd Sesto) duro: “Fantasma di Case Passerini simbolo del fallimento di una generazione di amministratori”

1
239
Lorenzo Zambini, Pd

Non si placano i commenti sulla sentenza del Consiglio di Stato che ha bocciato la realizzazione dell’inceneritore di Case Passerini.

Lorenzo Zambini, capogruppo del Partito Democratico di Sesto Fiorentino, si esprime così su Facebook:

Quando è un giudice a decidere la politica non può fare altro che prendere atto della propria sconfitta. Perché da oggi il fantasma di Case Passerini diventa simbolo del fallimento di un’intera generazione di amministratori pubblici che hanno guidato questi territori a più livelli dagli anni 2000 a oggi e che non hanno saputo dare e trovare una soluzione allo smaltimento dei rifiuti.

La politica locale aveva scelto, voluto e presentato ai propri cittadini il termovalorizzatore. Poi il fallimento. Una scelta che si è dilatata in maniera indecente per anni tra contingenze e opportunismi. Fino a trasformare la campagna elettorale di Sesto Fiorentino del 2016 in un’arena da combattimento tra tifoserie. In quel momento lì la politica non poteva più scegliere, infatti a decidere è stato un giudice.

Sono contento che le sentenze abbiano respinto tutti i rilievi riguardanti l’insufficienza dello studio d’impatto ambientale, l’allarme inquinamento della Piana e il pericolo della salute. Il problema è che non sono state fatte le opere di mitigazione, cosa non da poco e che ho sempre sottolineato e scritto con forza. Anche in questo caso con il tempo dovremo individuare con chiarezza (e non in modo generico) di chi è la responsabilità di questa mancanza.

Ma ora un capitolo si è chiuso, serve aprire un’altra fase e andare oltre la demagogia, gli slogan e gli atteggiamenti ideologici. Io ci ho perso le elezioni (ma non è un dramma), il dramma sarà se un giorno, sestesi, fiorentini e toscani dovessero trovare i rifiuti per strada. Serve la Politica migliore per non produrre altri fallimenti, per non portare la Regione Toscana in emergenza rifiuti, tenendo però fermi alcuni punti di responsabilità minima su cui sviluppare le scelte prossime:
1) abbandonare in Toscana l’uso delle discariche;
2) essere autosufficienti come territorio nello smaltimento dei rifiuti;
3) investire con forza sull’Economia circolare (che per chi non lo sapesse non è ‘Rifiuti zero’)“.

1 COMMENTO

  1. Purtroppo caro Zambini il PD è il partito che ha retto tutti i comuni Dell’area, della piana da sempre. ERA VOSTRA. No! I cittadini se la sono ripresa. Il PD ha voluto troppo, inceneritore e nuovo aeroporto,. Se ci fosse stata la piantumazione sarebbe stata bloccata la pista che sarebbe stata realizzata successivamente. Fatto il bosco mica si poteva AABBATTERE un secondo dopo! Buona rilessione

LASCIA UN COMMENTO