Ballerini (Potere al Popolo): “C’è bisogno di tanta sinistra, è un’opportunità da non sprecare”

0
512

Lorenzo, Ballerini, segretario del Partito della Rifondazione Comunista di Campi Bisenzio, è il candidato sindaco di Potere al Popolo alle elezioni amministrative di domenica 10 giugno.

Tuttosesto.net l’ha intervistato in esclusiva (già online le interviste a Maria Serena Quercioli e a Emiliano Fossi).

Potere al Popolo è una forza politica nata poche settimane fa. Come sta andando questa esperienza?
Il risultato raggiunto a livello nazionale non è stato soddisfacente. Ripartiamo però da una forza militante notevole, che fa invidia a molte altre forze che hanno raggiunto un risultato in termini elettorali migliore del nostro. Assemblee partecipate e ricche di giovani, la voglia di costruire una alternativa alle destre e al centro sinistra ripartendo dal basso. La strada è lunga e in salita, ma sicuramente il bilancio a oggi è positivo“.

Può descrivere, in sintesi, i punti salenti del suo programma elettorale?
La netta discontinuità con il modello amministrativo degli ultimi 25 anni.
Il programma lo stiamo elaborando e sarà un insieme delle proposte portate avanti in questi anni e il contributo che i compagni e le compagne, che saranno in lista, stanno portando. Una politica sulla casa alternativa che non lasci nessuno in strada, una proposta di radicale cambiamento del modello di sviluppo per la Piana, no all’inceneritore e alla nuova pista, una mobilità alternativa e una maggiore e più equa differenziazione delle aliquote irpef. Ancora: una maggiore attenzione ai diritti di cittadinanza e contro ogni discriminazione, la valorizzazione di spazi verdi completamente dimenticati come il Parco Iqbal e una politica per il lavoro e la sua sicurezza. Questo e molto altro sarà il programma di Potere al Popolo“.

Non era possibile un’alleanza con le altre forze di sinistra presenti in campagna elettorale?
Ci abbiamo provato. A novembre 2017 abbiamo invitato a un confronto tutte le forze di sinistra alternative all’attuale amministrazione, in primis Sinistra Italiana. Il confronto è stato positivo e ricco di spunti. Il problema è che fin da subito la loro posizione è stata: ‘il nostro unico candidato è Chini’. A quel punto ci siamo salutati con una stretta di mano e adesso siamo qua. Per anni molti di noi sono stati gli unici a fare una vera opposizione alle giunte Chini, pensare di farci un’alleanza ci ha fatto quasi sorridere“.

I due grandi temi di discussione nella piana sono la nuova pista dell’aeroporto di Firenze e l’inceneritore: qual è la posizione di Potere al Popolo su queste opere, anche se lo ha già accennato prima?
Chiara e senza mezzi termini: no aeroporto e no inceneritore. La Piana è satura di inquinamento, da questo punto di vista occorre una svolta radicale: dobbiamo fermare la speculazione e il consumo del territorio. Piuttosto dovremmo lavorare allo sviluppo di una mobilità alternativa e del trasporto pubblico.
L’inceneritore è una nostra storica battaglia e in lista ci saranno molti che hanno contribuito alla nascita del movimento ‘No INCENERITORI’, ormai qualche decennio fa. Ci rallegra piuttosto che anche chi, fino a pochi mesi fa, era a favore adesso finalmente abbia cambiato idea“.

In caso di elezione a sindaco, quali sarebbero le prime tre cose che farebbe?
Una mappatura sulle abitazioni vuote, sono centinaia solo nel nostro Comune e un intervento per far sì che, chi subisce uno sfratto, ad esempio per morosità incolpevole, possa trovare una soluzione abitativa alternativa. L’istituzione di un assessorato alla buona occupazione e dentro questo assessorato un osservatorio permanente per la qualità dell’occupazione, per il rispetto della sicurezza nei luoghi di lavoro. Promuovere una vera partecipazione dal basso come passaggio per le scelte amministrative. Attivare un rete di mutualismo territoriale attraverso l’utilizzo delle Case del Popolo, recuperare spazi e luoghi adeguati per l’aggregazione e l’autogestione delle attività“.

Faccia un appello ai cittadini di Campi Bisenzio: perché dovrebbero darle fiducia?
“C’è bisogno di sinistra. Tanto bisogno, quanto l’ossigeno. C’è bisogno di riportare nell’agenda politica temi che solo la sinistra può portare: solidarietà, accoglienza, diritti, lotta alle disuguaglianze e alle discriminazioni, antifascismo e antirazzismo, pace. A Campi questa volta abbiamo un’opportunità unica: riportare in Consiglio comunale i valori e le idee di una vera sinistra alternativa e radicale con la voce del competitor più giovane. E’ una opportunità da non sprecare“.

STEFANO NICCOLI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO