Parte la Tramvia T1 Leonardo, novità anche per i poli universitari di Sesto e Calenzano

0
486

Inaugurazione all’ospedale di Careggi. Corse gratis nel nuovo tratto per due settimane. Dal 21 luglio cambiano le linee Ataf. Per le prime due settimane il servizio nel tratto stazione-Careggi sarà gratuito

Al via lunedì 16 luglio la nuova linea della tramvia T1, ovvero la linea 1 che non farà più capolinea alla stazione ma proseguirà nel nuovo tratto che durante i lavori è stato chiamato linea 3 fino all’ospedale di Careggi, un’unica linea quindi chiamata Leonardo e lunga 11,5 chilometri. L’inaugurazione ufficiale è prevista lunedì alle 9.30 al capolinea di Careggi. Per le prime due settimane, il servizio nel tratto stazione-Careggi sarà gratuito. Dal 21 luglio, inoltre, ci saranno significativi cambiamenti delle linee Ataf dell’area. Lo ha annunciato il sindaco Dario Nardella, in una conferenza stampa alla presenza dell’assessore comunale alla mobilità Stefano Giorgetti, di quello regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli, dell’ad di Gest spa Jean-Luc Laugaa, e di Stefano Bonora amministratore delegato di Ataf Gestioni.

La linea T1 Leonardo collegherà Villa Costanza a Careggi Ospedale con un tempo di percorrenza di 40 minuti. I chilometri della linea sono 11,5 e le fermate 26. La frequenza sarà di 4 minuti e 20 secondi e le corse 500 al giorno. Si stimano 20 milioni di passeggeri all’anno, una riduzione di CO2 pari a 12.500 tonnellate all’anno e 9.300 auto in meno in strada ogni giorno.

“Ce l’abbiamo fatta – ha affermato il sindaco Nardella -. È un traguardo straordinario ed è merito prima di tutto della città che ha avuto fiducia, pazienza e ha creduto e continua credere nella tramvia, avendo visto i bei risultati della linea precedente. Alla fine abbiamo impiegato 4 anni, da giugno 2014 a giugno 2018, in linea con i tempi europei per realizzare opere di questo tipo e di questa complessità. Adesso contiamo le ore che ci separano da lunedì, il giorno della svolta perché con la nuova linea Leonardo cambierà gran parte del sistema di tutto il trasporto pubblico locale. Complessivamente il sistema del trasporto pubblico a Firenze e nell’are metropolitana migliorerà in modo molto visibile con vantaggi incredibili dal punto di vista della riduzione del traffico. Quindi meno inquinamento, meno traffico, meno costi e meno tempi di attesa”. “Credo che in un Paese come l’Italia, dove le opere pubbliche sono quasi un miracolo, iniziare e finire un’opera pubblica è un’impresa incredibile – ha aggiunto -. Firenze riesce a dimostrare che con la tenacia e la pazienza le cose si possono fare e io sono orgoglioso che possiamo essere da esempio anche per tutta l’Italia”.

Con il prolungamento della linea T1 Leonardo vengono introdotte importanti modifiche al trasporto pubblico locale su gomma gestito da Ataf&Li-nea con l’obiettivo di diminuire i tempi di percorrenza e potenziare il servizio. In particolare nascono 4 nuove linee (33-51-55-C4), altre cambiano percorso (2-8-13-14-17-20-23-24-28-40-43-48-49-59) e altre ancora vengono soppresse perché migliorate e ampliate o sostituite dalla tramvia (4-19-54-60-81-85-D-R). Tutte le altre linee rimangono invariate. La riorganizzazione della rete entrerà in esercizio da sabato 21 luglio. Tutte le informazioni dettagliate sul servizio saranno a disposizione sul sito web www.ataf.net che sarà aggiornato in tempo reale.

“I chilometri di linee dell’autobus non vengono tagliati – ha detto l’assessore Giorgetti – ma mantenuti o in adduzione alla tramvia, o aumentati nei quartieri dove la tramvia non c’è o usati per dedicare servizi nei festivi. Nasceranno anche nuove linee, dalla navetta 33 che servirà dalla stazione di Rifredi fino al Meyer passando per il polo ospedaliero di Careggi, o la 57 che da piazza Puccini riunirà il polo universitario di Novoli con quello di Sesto e Calenzano. Avremo mezzi più puntuali e un’organizzazione più moderna del servizio. Inoltre le modifiche saranno testate per sei mesi: dopo valuteremo se apporre correttivi o miglioramenti, anche con l’aiuto dei suggerimenti dei cittadini”.

Per quanto riguarda la comunicazione, il Comune spedirà a casa di ogni famiglia fiorentina, circa 190 mila, un opuscolo con tutte le informazioni; ci saranno flyer distribuiti da Gest e da Ataf alle fermate della tramvia e ai principali interscambi dei bus; 30, 40 persone al giorno della Protezione Civile saranno alle fermate per informare sulle modifiche; i call center di Ataf e Gest saranno potenziati; ci saranno poi affissioni in tutta la città, dalla stazione alle principali arterie di ingresso, nelle vetrine del centro, i manifesti e i canali digital del Comune di Firenze. Previsto anche un alert System, con telefonata del sindaco Dario Nardella a casa dei cittadini e degli abbonati al servizio.

MET 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO