Villa Donatello lascia Firenze e si sposta a Sesto

1
4162
TuttoSesto

Villa Donatello lascia Firenze e si sposta in blocco, cioè sia per quanto riguarda l’attività chirurgica che quella ambulatoriale, a Villa Ragionieri a Sesto Fiorentino. Unipol – scrive la Repubblica Firenze – ha definitivamente rotto gli indugi e nei giorni scorsi ha fatto una riunione con i dipendenti nella quale sono stati illustrati i tempi dello spostamento. Non tutti i servizi, infatti, lasceranno la struttura sui viali contemporaneamente.

 

 

Il progetto prevede per giugno di spostare a Sesto Fiorentino tutta l’attività chirurgica, quella svolta nella vecchia clinica sui viali. Il motivo per cui si è deciso il trasloco è che per continuare ad operare a Villa Donatello bisogna fare pesanti lavori di messa a norma rispetto alla legge sull’antisismica. Unipol ha però deciso di muovere anche tutti gli ambulatori, che si trovano in un immobile diverso. L’oculistica, che fa sia attività chirurgica che ambulatoriale, andrà a Villa Ragionieri probabilmente a settembre. Tutti gli altri studi dei medici saranno trasferiti dal gennaio dell’anno prossimo. I tempi più lunghi sono necessari perché la clinica di Sesto Fiorentino è stata pensata e costruita per l’attività di ricovero. È quindi necessario ristrutturare per avere a disposizione spazi adatti all’attività ambulatoriale.

1 COMMENTO

  1. penso sia un gravissimo errore questo spostamento perchè ci sarà una perdita notevole di pazienti che provengono in generale dal centro della città e da firenze sud. inoltre la ex villa vittoria è stata ristrutturata da pochissimi anni e quindi almeno questa poteva essere conservata a livello di visite ambulatoriali e si potevano spostare a villa ragionieri gli interventi chirurgici. ho sentito molte opinioni in questo senso da parte di pazienti , di dipendenti e di medici che operano a villa donatello e che hanno già detto che troveranno un’altra struttura per svolgere la loro professione. inoltre verrà meno anche il servizio di fast aid molto importante e tutto il settore della riabilitazione. praticamente…..un disastro

LASCIA UN COMMENTO